Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Ottobre - ore 22.31

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Due pale eoliche che saziano 4.500 famiglie

La società milanese Gea Energie si appresta a installare due aerogeneratori sul Monte Scassella, a Varese Ligure.

Nulla osta
Due pale eoliche che saziano 4.500 famiglie

Cinque Terre - Val di Vara - Nuove pale eoliche in arrivo in quel di Varese Ligure. La Provincia della Spezia ha infatti rilasciato alla società milanese Gea Energie srl l'autorizzazione unica per la realizzazione di un impianto eolico sul Monte Scassella. L'intervento consiste nella realizzazione di un parco eolico per la produzione di energia elettrica, e di tutte le relative opere ed infrastrutture connesse, composto da due aerogeneratori – le famose 'pale' - della potenza di 2.35 megawatt ciascuno localizzati immediatamente a sudest del Monte Scassella, a circa un chilometro dal passo della Cappelletta, al confine tra Liguria ed Emilia. Un cavidotto interrato lungo circa trenta chilometri collegherà le due turbine eoliche al punto di connessione con la rete elettrica nazionale, passando sotto la strada comunale del passo della Cappelletta, per poi transitare, sempre in interrato, sotto le Provinciali 523 e 566. Le motivazioni che hanno portato alla scelta di questo luogo sono principalmente dovute alla ventosità del comprensorio del passo Cento Croci. Il progetto è il risultato di una serie di studi che hanno preso in considerazione numerosi fattori, quali appunto l'anemologia, l'orografia e l'accessibilità del sito, con lo scopo di massimizzare il rendimento dei singoli aerogeneratori e dell'impianto nel suo complesso. Secondo le simulazioni condotte si stima una produzione, al netto delle perdite, superiore ai 12mila megawatt/ora annui, pari – si spiega nella determina dell'ente Provincia - al fabbisogno di circa 4.500 famiglie (considerando un consumo medio annuo di 2.700 kWh/famiglia).

Al progetto è arrivato assenso non condizionato da Asl, Ministero dello sviluppo economico, Esercito e Vigili del fuoco. Ok con una serie di prescrizioni tecniche da rispettare da parte di Regione Liguria (Settore difea del suolo), Arpal, Arenonautica, Provincia, Anas e Direzione archeologica del Ministero dei beni culturali, che reputa necessario un affiancamento costante nel caso emergano elementi archeologicamente rilevanti. L'autorizzazione sarà revocata qualora i lavori non saranno iniziati entro sei mesi dalla disponibilità delle aree e conclusi entro tre anni dal via dei lavori. Sarà interamente a carico di Gea Energie srl il ripristino dello stato dei luoghi in caso di una eventuale dismissione del parco eolico. Non il solo in via di realizzazione sulle alture varesine, come raccontato lo scorso agosto.

N.R.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News