Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Novembre - ore 14.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Aiutare il pianeta concretamente, funziona il tam tam per pulire le spiagge del Golfo

Hanno iniziato in sei, sono diventati quaranta: da Maralunga a Porto Venere, con guanti, sacchi e scarpe chiuse per dare concretezza ai propositi. Ecco il progetto Bluelifeit.

una lezione di civiltà
Aiutare il pianeta concretamente, funziona il tam tam per pulire le spiagge del Golfo

Golfo dei Poeti - Tutto è partito come una cosa tra amici, la volontà di fare qualcosa per “aiutare il pianeta”, poi però l’idea è piaciuta e ogni evento conta più volontari. Su Instagram e Facebook si possono trovare sotto la voce di Bluelifeit. Si occupano di pulire le spiagge della provincia da sigarette, bottiglie e oggetti vari che altrimenti finirebbero in mare. Gli eventi sono aperti, ovviamente per motivi organizzativi si chiede di confermare la presenza in anticipo, ma tutti possono partecipare.
I temi di ambiente, plastica e inquinamento sono più che mai attuali, specialmente tra i giovani che si sentono spesso in dovere di fare qualcosa per garantire e garantirsi un futuro migliore. Ci sono molti fattori dannosi che hanno portato ad un tasso di inquinamento altissimo, tuttavia ognuno nel suo piccolo può dare una mano, perché non iniziare quindi dai nostri luoghi del cuore?

Questo è infatti l’idea principale del progetto, coinvolgere più giovani possibili e divulgare non solo il rispetto per l’ambiente, ma anche un idea di bello da mantenere per il bene di tutti. Ed è così che passo dopo passo sono state pulite spiagge come Santa Teresa, la Caletta di Maralunga, Fiascherino, la Baia Blu e ultima, ma non per importanza Portovenere. Hanno iniziato in sei, ma grazie ai social l’adesione è aumentata fino a veder partecipare circa 40 volontari per la pulizia di Portovenere. Ci si ritrova in un punto muniti di sacchi, guanti e scarpe chiuse, ci si presenta, ci si divide in squadre e poi si comincia a raccogliere.

Si trova di tutto, dalle bottiglie di plastica alle scatole di polistirolo fino ad arrivare a vestiti o oggetti veramente inaspettati. Si passa del tempo insieme e si fa qualcosa di utile, un ottimo compromesso. Spesso i passanti si fermano a guardare incuriositi, tra un complimento per l’iniziativa e qualche critica ai comportamenti si dà una lezione di civiltà e si mostra come tanti si stiano impegnando davvero. La strada è ancora lunga e Bluelifeit ha bisogno della collaborazione degli enti locali per andare avanti e diventare una realtà. Per ora la volontà c’è e tanti si stanno interessando, speriamo che questa sia la via giusta per intraprendere un percorso di sensibilizzazione e rispetto del territorio. Ci saranno altri eventi, si accettano consigli per i luoghi dove effettuare la pulizia.

Ginevra Masciullo

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News