Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Novembre - ore 14.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Il segretario si scusi anche a Lerici. E cerchi di essere super partes"

L'opposizione lericina sul 'caso Sortino': "Il sindaco Paoletti prenda pubblicamente le distanze".

Dopo il caos spezzino
"Il segretario si scusi anche a Lerici. E cerchi di essere super partes"

Golfo dei Poeti - Approda anche a Lerici la eco del 'caso Sortino', cioè il fuori onda immortalato dalle telecamere della sala consiliare in cui il segretario generale del Comune della Spezia, commentando la presenza di un gruppo femminista nell'aula del consiglio (per contestare l'intitolazione di uno spazio pubblico a padre Escrivà), si chiede "Che ca**o vogliono?" e fa un'altra osservazione in cui si parla di "tette" (QUI la ricostruzione e la versione del segretario). E non è un caso che la questione trovi spazio nella perla orientale del Golfo, visto che il cavalier Sortino è segretario del Comune anche lì. A scaldare le acque c'è l'intervento del gruppo consiliare di opposizione Golfo dei Poeti, simbolicamente affidato alla voce della componente femminile del terzetto: "Siamo indignati da quanto avvenuto e il maldestro tentativo di difesa del segretario Sortino si commenta da solo. Tali atteggiamenti sono inammissibili e da condannare con forza, una bruttissima pagina per le nostre istituzioni, ora attendiamo una chiara presa di posizione e distanza del sindaco Paoletti e della sua maggioranza”, affermano le consigliere Mariachiara De Luca e Roberta Mauro.

E non manca la presa di posizione di Emanuele Fresco, ex sindaco, oggi esponente dell'opposizione: “Ritengo che il segretario, invece di arrampicarsi sugli specchi con le sue spiegazioni, debba scusarsi sia nel consiglio comunale della Spezia, sia in quello di Lerici – commenta -. Spiace anche per l'atteggiamento del sindaco Peracchini, non me lo sarei aspettato. Espressioni fuori luogo, un 'che ca**o vogliono?' riferito a persone che democraticamente fanno sentire la loro voce... insomma un episodio che mi sconcerta”. Ed è ancora Fresco ad allargare il raggio d'azione: “Al di là dell'episodio, il segretario dovrebbe cercare di avere un ruolo super partes. A Lerici purtroppo da un lato c'è la presidenza del consiglio comunale ricoperta dal sindaco Paoletti, dall'altra il dottor Sortino che è appiattito sulle posizioni della maggioranza e che non si preoccupa mai particolarmente delle istanze delle opposizioni, mantenendo un atteggiamento di snobismo. L'ultima prova è quanto accaduto con la nostra mozione su Enel, non accolta in consiglio con motivazioni decisamente fuori luogo nonostante gli impegni che il sindaco si era preso in consiglio comunale e in commissione. Se vanno avanti così, siamo pronti a svolgere il nostro ruolo di opposizione anche uscendo dall'aula”. Come appunto accaduto in occasione della pratica Enel, che ha visto la maggioranza approvare il proprio documento con i suoi voti, con gli scranni dell'opposizione rimasti vuoti da qualche minuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News