Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Novembre - ore 14.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Angelino: "L'opposizione mistifica i fatti, sono stati loro a dedicare la sala a Mantero"

La consigliera di maggioranza a Porto Venere replica al vespaio della minoranza: "Vollero privare Bastreri della sala a lui dedicata, proprio il 25 aprile, nel silenzio imbarazzante dei paladini di oggi".

"triste obiettivo politico"
Angelino: "L'opposizione mistifica i fatti, sono stati loro a dedicare la sala a Mantero"

Golfo dei Poeti - Infuria la polemica, e non è la sola, a Porto Venere. L'ormai celebre targa del Partito Comunista Italiano rimossa dall'amministrazione in carica ha sollevato un vespaio di polemiche (leggile qui) da parte dell'opposizione. Giovanna Angelino, consigliere di maggioranza del Comune di Porto Venere, replica così alle contestazioni: "Ho letto con stupore la posizione espressa dalle forze politiche della sinistra sulla strumentale questione della targa del Pci, sezione Giacomo Bastreri. Purtroppo, ancora una volta, si gioca alla mistificazione dei fatti, sperando che le persone abbiano la memoria corta. L'attuale sala, dedicata al professor Renzo Mantero, illustre e rimpianto chirurgo della mano, nativo di Porto Venere, fino al 2013 si chiamava sala Giacomo Bastreri ed aveva ospitato per decenni il locale Partito Comunista italiano. Al professor Mantero, meritevole di un degno riconoscimento, la giunta di sinistra, che allora amministrava il comune, avrebbe potuto dedicare qualunque altro luogo pubblico, persino in municipio, ma ha scelto, deliberatamente, di rinominare proprio la sala dedicata all'antifascista ucciso, a pochi giorni dalle elezioni comunali, solo a scopo di accattonaggio elettorale, sfruttando il nome del professor Mantero, recentemente scomparso, persona ben nota, amata e rispettata da tutti in paese".

La Angelino rincara la dose: "E vollero privare il martire Giacomo Bastreri della sala a lui dedicata, proprio il 25 aprile, nel silenzio imbarazzante dei paladini di oggi, che si guardarono bene dal sollevare pubblicamente una polemica contro le forze della sinistra al governo, agli ultimi colpi di una pesante campagna elettorale che li volle sonoramente sconfitti. E così, senza alcun pudore, proprio il 25 aprile, vi fu il cambio di denominazione della sala, in Sala Mantero. Oggi, coloro che, in quella circostanza, festeggiarono la rinomina propagandistica della sala, ci vengono ad imputare colpe e responsabilità che sono esclusivamente loro, forzando e sfruttando, ancora una volta, la storia dei nostri borghi, per un mero e triste obiettivo politico. Avrei voluto vederli allora, quando sarebbe stato più onesto, ma politicamente più sconveniente, salire sulle barricate per difendere quella storia fin troppo abusata, per fini di mera convenienza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News