Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre - ore 19.26

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Aumentano i contagi. I reparti di Sarzana saturi. Siamo preoccupati"

Interviene sul sensibile aumento dei contagi in provincia della Spezia l'Ordine professionale degli infermieri: "Noi avevamo detto già nei mesi scorsi che rischiavamo un altro sovraccarico del sistema".

forti preoccupazioni dall'Opi

La Spezia - “Aumenta la preoccupazione nella nostra comunità professionale per i casi di Covid, in crescita; i reparti di Sarzana sono prossimi alla saturazione e, anche se non si tratta in tutti i casi di malati complessi, come è noto aumenta notevolmente l’impegno assistenziale, non fosse altro per le necessarie procedure di vestizione, svestizione, contenimento dei contatti non indispensabili, con modalità organizzative maggiormente complesse che coinvolgono tutti i professionisti, infermieri e coordinatori in prima battuta”. E' quanto si legge in una nota dell'Ordine professionale degli infermieri provinciale che sottolinea le esigenze della categoria.
“In pratica, e ci dispiace moltissimo rimarcarlo, si evidenzia quanto da questo nostro ente ricordato in un comunicato stampa del 9 luglio scorso, in un momento non sospetto, quando abbiamo spiegato che in presenza di un ipotetico aumento dei casi avremmo toccato uno ‘stress del sistema'. Noi francamente non pensavamo a questa stagione, ma all'autunno, e alla inevitabile confusione con le sindromi influenzali - proseguono dall'Ordine-. La nostra ipotesi si è malauguratamente realizzata mesi prima, e oggi siamo di fronte a una criticità piuttosto marcata. Oggi si ragiona soprattutto, e ci sembra inutile - perché non serve assolutamente a nulla e a nessuno, men che meno agli infermieri bardati e coperti nelle degenze- di  polemiche sulla natura, le cause, le modalità di ripresa dei contagi, in una Provincia che fino a tre settimane fa era la meno colpita della nostra Regione: non pare essere questa la priorità”.
Dall'Opi proseguono :” Le altre Asl offrono aiuto in termini di personale ed anche in termini di accoglienza dei pazienti, e forse sarebbe il caso di accettare questa seconda ipotesi perché i reparti dedicati stanno saturandosi: è certamente buona la notizia, di ieri, dell’apertura del Falcomatà per i positivi dimessi; mentre forse non è chiaro che il personale sanitario ad oggi in servizio (pur aumentato dallo scorso marzo) non può bastare ad assicurare tutto il carico necessario, in particolare con i vertiginosi aumenti delle attività dei Distretti (le attività dei Gsat sono in crescita esponenziale) e delle degenze dedicate”.
“In questi contesti noi ci rendiamo perfettamente conto, perché non viviamo su Marte, come sia obbligatorio tentare di dare una risposta a tutte le richieste – si legge ancora nella nota -, con le liste di attesa che naturalmente risentono del periodo di lockdown; ed altrettanto avviene per le attività di determinati servizi: ma se il personale è ‘’100’’ e le richieste sono ‘’130’’, ci saranno ‘’30’’ richieste inevase; ci pare un concetto di una disarmante logica e più che mai oggi serve una lettura ragionata del momento critico, sostenendo le realtà in maggiore affanno e quelle strategicamente più utili al momento, attraverso una revisione delle attività che devono essere erogate, distinguendo fra quelle indispensabili, quelle necessarie, e quelle che possono essere dilazionate”.
“Nel frattempo – concludono dall'Opi - è auspicabile, come detto, lavorare in sinergia nella sanità regionale, e crediamo davvero molto utile raccogliere le offerte di aiuto arrivate dalle altre Asl: sempre dalle altre Asl liguri, in particolare dalla 4 sarebbe bene ricevere il prima possibile gli infermieri che, in base alle recenti deliberazioni aziendali, sono attesi dalla nostra Azienda in base a pregressi accordi. Anche perché, e questo forse non è chiaro a tutti, fino alla fine del prossimo Novembre non ci saranno nuovi infermieri laureati, e le offerte di assunzione nelle forme già previste dall’emergenza sin dallo scorso marzo che comprendevano interinali, collaborazione continuativa, partita Iva non vengono ormai più raccolte da nessuno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News