Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Gennaio - ore 22.37

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"L'affidamento in house non sia una clava da agitare contro i lavoratori"

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Cobas e Ugl sottolineano l'importanza dei sacrifici accettati dai dipendenti negli ultimi anni nel percorso che dovrebbe portare a evitare la gara per la gestione del servizio.

Prima dell'incontro con l'azienda

La Spezia - "Alla vigilia dell'incontro che si dovrà tenere con l'azienda in merito alla vertenza aperta dalle organizzazioni sindacali sui 'tempi di percorrenza', ovvero i tempi in cui un autobus percorre la tratta tra una fermata e un'altra (ritenuti troppo stretti e dunque forieri di disagi per autisti e utenti), vorremmo fare alcune precisazioni in modo tale che la cittadinanza sia a conoscenza di quelli che sono i reali problemi dei lavoratori del settore e possa comprendere che le richieste avanzate non attengono solo alla dignità del lavoro, sempre più spesso calpestata, ma anche alla qualità del servizio erogato giornalmente a migliaia di cittadini". Lo dichiarano Alessandro Negro, segretario di Filt Cgil, Marco Moretti, segretario Fit Cisl, Giuseppe Ponzanelli, segretario Uiltrasporti, Luca Simoni, segretario di Cobas Lp, e Paolo Carrodano, di Ugl.

"Il trasporto pubblico da troppi anni è il fanalino di coda di tutte le scelte politiche, tagli alle corse, tagli alle risorse economiche e così via. Oggi alla vigilia dell'affidamento in house del servizio, ci viene chiesto di essere responsabili e capire la portata dell'evento. Ci viene detto che l'azienda rischiava di essere svenduta al privato tramite gara. Al di là dell'affermazione che ha il sapore della propaganda, perché se è vero che Atc negli ultimi anni non ha rinnovato il parco mezzi, è altrettanto vero che i bilanci avevano utili importanti, riteniamo che sia ingeneroso non riconoscere alle organizzazioni sindacali e dunque ai lavoratori il senso di responsabilità - rivendicano le sigle -. Lo abbiamo dimostrato per anni e se oggi Atc può affrontare a testa alta le sfide del futuro lo può fare non solo per l'impegno, ma anche per la rinuncia a rivendicazioni di carattere economico da parte dei lavoratori. L'affidamento in house non può però diventare, da risultato ottenuto grazie all'impegno di tutti, una clava da sventolare per inibire qualsiasi rivendicazione dei lavoratori sia essa di carattere economico o, come in questo caso, di carattere lavorativo. Abbiamo fatto tanti sacrifici e potremmo farne ancora, ma la cogestione tanto invocata non può essere a senso unico. Non possiamo essere chiamati alla responsabilità e ai tavoli solo quando fa comodo. Troppo spesso ci siamo trovati di fronte a scelte appena comunicate o conosciute un minuto dopo essere state assunte. Non funziona così, non funziona che si spendano decine di migliaia di euro in consulenze e poi non si trovino poche migliaia di euro per garantire agli autisti divise dignitose. Se spending review deve essere, deve essere per tutti e non a senso unico. Il timore che abbiamo è che, a pochi mesi, così si dice, dell'affidamento in house, ci si accorga di aver fatto il passo più lungo della gamba e si provi a scaricare le responsabilità su sindacati e lavoratori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News