Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Ottobre - ore 22.26

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La protesta degli studenti: "Le lacune della scuola sono strutturali"

L'Unione degli studenti: "È arrivato il momento per il governo di investire subito sull’istruzione pubblica: i 209 miliardi del Recovery Fund devono servire per costruire un nuovo modello di scuola".

La protesta degli studenti: "Le lacune della scuola sono strutturali"

La Spezia - Ieri pomeriggio l'Unione degli Studenti era in piazza nella giornata nazionale di mobilitazione studentesca per far sì che le istituzioni tornino a rendere la scuola una priorità dello Stato.
Il rientro non è stato organizzato come avrebbe dovuto e la scuola pubblica ha bisogno di interventi economici seri e immediati: serve dare priorità alla scuola!

“Oggi pomeriggio, nonostante le complicazioni causate dalla recente emergenza sanitaria nella nostra città, abbiamo portato in piazza la nostra denuncia verso la situazione scolastica; in Piazza Mentana sono state predisposte delle scarpe e dei libri, a simboleggiare la purtroppo impossibile presenza degli studenti, sia in piazza che nelle scuole - dichiara Chiara Villa dell’Unione degli Studenti La Spezia -. La ripartenza ha dimostrato tutte le lacune dell’istruzione pubblica che denunciamo come studenti sin da prima della pandemia: trasporti insufficienti, lavori di edilizia scolastica mai partiti ed edifici fatiscenti, organico mancante e didattica a distanza ancora presente e non inclusiva”.

"Occorre reimmaginare il mondo della scuola da zero, partendo dall’istruzione gratuita, dalla digitalizzazione, dal superamento dell’alternanza, dalla rappresentanza e dalla partecipazione studentesca. Tutti temi che la ministra Azzolina ignora dall’inizio del suo mandato - aggiunge Chiara Villa -. È arrivato il momento per il governo di investire subito sull’istruzione pubblica: i 209 miliardi del Recovery Fund devono servire per costruire un nuovo modello di scuola, che superi i problemi strutturali che subiamo da anni a causa dei tagli all’istruzione pubblica.”

"Vogliamo tornare a scuola in presenza e in sicurezza, con spazi e luoghi che ci permettano di superare la didattica a distanza - conclude la coordinatrice dell’UdS La Spezia -. Per questo parteciperemo domani a Roma alla manifestazione nazionale con Priorità alla Scuola, con lavoratori e lavoratrici, genitori, per ribadire ancora una volta che il futuro della scuola deve essere costruito insieme!”.

(foto: repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News