Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Febbraio - ore 08.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Negli stabilimenti della Marina, dove un pranzo costa meno di 10 euro

A bando la concessione per i bagni di Maralunga e del Terrizzo, il primo dedicato agli ufficiali e il secondo a sottufficiali e civili.

base d'asta di 3 milioni
Negli stabilimenti della Marina, dove un pranzo costa meno di 10 euro

La Spezia - Una tazzina di caffè a due passi dal mare a cinquanta centesimi di euro, ci sono stabilimenti balneari in provincia dove tutto ciò è possibile. Si tratta dei bagni dedicati al personale della Marina Militare e dei dipendenti civili della Difesa, la cui gestione va a bando proprio in questi giorni. Un ricco appalto con base d'asta da 2.884.208 euro per gestire fino al 2023 il lido di Maralunga di Lerici, destinato agli ufficiali di Marina, quello del Terrizzo per sottufficiali e Crdd, e infine quello di Via Vespucci a Marina di Carrara dedicato a "graduati e truppa". Il più grande dei tre siti è decisamente quello sull'Isola Palmaria, che può arrivare ad ospitare fino a 535 ombrelloni e mille sdraio.
Un appalto che significa anche posti di lavoro: una quarantina tra bagnini, barman, cuochi, camerieri, cassieri e addetti alle pulizie. Al concessionario, che si accolla il "rischio operativo", vanno gli introiti derivati dagli abbonamenti stagionali, i biglietti giornalieri, gli affitti dei bungalow presenti nel comprensorio di Maralunga e tutte le entrate derivata dai servizi bar e ristorazione. La Difesa stima entrate per 275mila euro l'anno per i soli ingressi, ma il grosso arriva dal servizio bar e mensa che garantisce circa 445mila euro in una stagione standard, compresa tra il 1° giugno e il 30 settembre.

E questo nonostante i prezzi per gli ospiti siano davvero "esclusivi", ma con accezione del tutto contraria a quella che si dà ai ritrovi dei vip. Oltre alla tazzina alla metà del classico euro che si paga praticamente in tutta la Liguria, il listino della scorsa stagione è di quelli davvero light. Una colazione espressa si fa con meno di due euro: 0.60 euro per un croissant fresco, un tè caldo a 0.50 e un cappuccino a 0.70. E ancora: una bottiglia d'acqua minerale da un litro e mezzo prelevata al bar costava 60 centesimi, 0.50 euro per una bibita in lattina, 0.90 per una birra nazionale e 1.10 per una birra estera, 60 centesimi per un Estathè e 1.10 euro per un energy drink. Una focaccia farcita a 1.30 euro, un trancio di pizza a 1.10, quanto un toast, e un tramezzino a 90 centesimi.

"I pasti degli stabilimenti nei quali era svolto il servizio mensa (Maralunga e Terrizzo, ndr) venivano confezionati direttamente presso gli apprestamenti logistici (cucine) degli stabilimenti stessi", avverte il disciplinare di gara. E anche in questo caso i prezzi sono assolutamente introvabili altrove: i primi semplici (pasta al sugo, ragù, pesto...) a 1.40 euro, quelli più elaborati (tortellini panna e prosciutto, spaghetti allo scoglio o lasagne al forno...) a 2.30 euro al piatto. I secondi: una caprese o un pezzo di pollo al forno con 1.60 euro, una bistecca ai ferri o una cotoletta a 2.90 euro; il pesce, grigliato o fritto, a 4 euro. Un menù completo con meno di 10 euro insomma, più o meno il prezzo di una porzione di spaghetti allo scoglio in un ristorante normale.
Eppure, secondo il piano economico finanziario di massima elaborato dalla direzione di commissariato di Viale Amendola, la stima per il concessionario è di portarsi a casa un utile di 40mila euro per stagione. Chiaramente una cifra indicativa, ma che si basa su uno storico affidabile. Di certo non pesa il canone demaniale imposto su quelli che sono alcuni degli angoli più belli del Golfo dei Poeti, in particolare lo stabilimento degli ammiragli. L'Agenzia del Demanio ha calcolato un forfait di 882 euro per occupare Maralunga nei quattro mesi estivi, mentre per l'area del Terrizzo impegnata dai due bagni, militare e civile, lo Stato chiede attorno ai diecimila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News