Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 14 Dicembre - ore 22.39

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Enel inserisce la centrale a turbogas spezzina nell'asta del capacity market per il 2023

Ansaldo energia e Siemens si sono fatte avanti, mentre l'azienda ha spiegato alle imprese spezzine come far parte della construzione del gruppo. In primvera l'esito dell'incanto di Terna. Lunedì si riunisce il tavolo tecnico in Regione.

Gli scenari sono molteplici

La Spezia - Scadranno il 6 e il 28 novembre i termini per partecipare all'asta del capacity market indetta da Terna per il 2023, incanto al quale Enel energia intende partecipare inserendo nell'area Nord le centrali a turbogas di Fusina e della Spezia per la gestione della transizione dal carbone alle rinnovabili. L'asta, che era stata annunciata nel luglio scorso da parte dell'operatore che gestisce la rete elettrica nazionale, sarà aggiudicata nella primavera del 2020 e sono molti gli interrogativi che dovranno trovare risposta nei prossimi mesi.

Il sistema del capacity market prosegue indipendentemente dalle proteste sollevate a livello politico e non solo alla Spezia ed Enel prosegue nel tentativo di aggiudicazione dell'asta contando sulla realizzazione del nuovo sito spezzino. E se per qualche ragione l'impianto a turbogas dovesse essere bloccato a livello regionale o ministeriale? Un'eventualità che deve essere presa in considerazione, ma che non può impedire all'azienda di rischiare e di credere nel progetto, tanto che nelle scorse settimane si è svolto un incontro con le aziende locali per spiegare quali possano essere le ricadute economiche della realizzazione della nuova centrale, per illustrare quali sono le caratteristiche richieste per partecipare ai lavori, per promuovere la costituzione di Associazioni temporanee di imprese e per annunciare incentivi per le imprese che impiegheranno manodopera locale. E' logico che Enel si prepari allo scenario per lei più positivo e che sia alla ricerca di grandi partner industriali (Ansaldo Energia e Siemens si sono fatte avanti per la costruzione dell'impianto a turbogas) ma anche che prepari il terreno con le imprese più piccole, quelle dell'indotto.

E se, al contrario, Enel non dovesse aggiudicarsi l'asta per il Nord Italia? Questo potrebbe significare che Terna avrà deciso di fare affidamento su altri siti e su altri operatori e dunque la necessità di convertire la centrale a carbone in un gruppo a turbogas potrebbe venire meno, considerando che negli anni successivi il sistema nazionale dovrebbe andare ad avere sempre meno necessità di energia prodotta da fondi fossili per il periodo di transizione alle rinnovabili.

Le questioni aperte, sia dal punto di vista industriale che politico e amministrativo, sono molte ed è difficile prevedere come si chiuderanno. Nel frattempo lunedì si riunirà a Genova il tavolo tecnico sul futuro dell'area Enel al quale siederanno la Regione, la Provincia, i Comuni della Spezia e di Arcola, la stessa Enel e i sindacati. Un ulteriore step che potrà aiutare a comprendere il destino di una vicenda complessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Dove acquisterai prevalentemente i tuoi regali di Natale?












Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News