Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Luglio - ore 20.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Navi da crociera in contemporanea generano problemi di sicurezza e inquinamento"

La Sinistra di dice preoccupata per la concentrazione di biossido di azoto nelle zone prospicienti i moli: "A due passi da scuole ed ospedale".

appello all'amministrazione
"Navi da crociera in contemporanea generano problemi di sicurezza e inquinamento"

La Spezia - "È di questi giorni la notizia, annunciata con grande soddisfazione, che si è riusciti a far attraccare in porto tre navi da crociera contemporaneamente, con uno sbarco di circa 14.500 persone. E sempre dalla stampa inoltre abbiamo appreso che l’obbiettivo è quello di arrivare a stretto giro alla compresenza di ben quattro navi grazie all'utilizzo misto di una banchina che servirebbe in contemporanea sia il porto commerciale che quello turistico. Aldilà delle valutazioni generali sull'impatto causato dal turismo di massa, tema sul quale comunque sarebbe utile fare qualche ragionamento, la contingenza fa emergere criticità estremamente concrete e urgenti delle quali nessuno sembra interessarsi". La Sinistra, la sigla che accoglie oggi buona parte della sinistra nazionale, al di là del Partito Democratico, entra nel merito del dibattito sulle crociere, da un altro punto di vista, quello di stampo ambientale: "Intanto esiste un evidente problema di sicurezza. L’ipotesi di un utilizzo misto delle banchine, infatti, espone ad un notevole rischio potenziale sia i lavoratori che gli stessi croceristi andando a stressare ulteriormente un’area, come quella portuale, già di per sé esposta sul piano della sicurezza e degli incidenti sul lavoro. Altro aspetto non meno preoccupante è quello legato all'inquinamento dovuto alla concentrazione di biossido di azoto nelle zone prospicienti i moli; stiamo parlando peraltro di aree molto sensibili, non solo in ragione della loro popolosità ma anche per il fatto che in quelle stesse aree insistono la più grande scuola cittadina (il Cappellini- Sauro) e l’ospedale San Andrea".

Le preoccupazioni sono dovute al fatto che già nel 2017 un rapporto dell'Ispra collegava i picchi e il superamento dei limiti di biossido di azoto nei quartieri del levante cittadino, con l'arrivo delle grandi navi. "Mentre nel 2018 Arpal pubblicando i suoi dati indicava tali quartieri come delle "camere a gas" correlando i superamenti all'arrivo delle navi, che badate bene arrivavano una o al massimo due alla volta. Ci domandiamo quindi come sia possibile che di fronte a questi attracchi record le autorità competenti, in primis il sindaco che lo ricordiamo è la massima autorità sanitaria a locale, non predispongano uno piano di prevenzione per salvaguardare la salute dei cittadini che vivono e lavorano dentro e intorno al porto. Se infatti sono ancora tutti da dimostrare gli effettivi benefici generati dal turismo di massa, pensiamo siano ormai tristemente note a tutti le conseguenze di una prolungata esposizione al PM10 (polveri sottili) e a NO2 (biossido di azoto). In ogni caso riteniamo che sia ormai venuto il tempo di rifiutare con forza l’insostenibile compromesso tra le ragioni dello sviluppo e quelle della salute pubblica che come la storia, anche locale, ci insegna hanno sempre penalizzato l’interesse collettivo in nome del profitto di pochi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News