Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Giugno - ore 18.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Nel 2020 via alla bonifica dall'eternit in arsenale"

L'onorevole Traversi (M5S) annuncia i lavori sui capannoni di fronte a Marola, da cui si era disperso materiale a ottobre. "Finanziamento da 700mila euro. Vigileremo sui tempi".

l'annuncio

La Spezia - Entro due anni i tre capannoni con i tetti in eternit che sorgono di fronte a Marola saranno bonificati. E’ la notizia che il deputato Roberto Traversi del M5S porta direttamente alla Spezia in occasione di una conferenza stampa che tira le fila dell’attività parlamentare fatta da ottobre 2018 in poi. Da quando cioè la burrasca che si abbatté sulla città, con venti fino a 170km/h, sradicò pezzi della copertura dei magazzini della Marina Militare in amianto trascinandoli fino alle abitazioni della borgata. La mattina dopo furono alcuni residenti a notare il materiale in aree densamente popolate, frequentate anche dai bambini. La reazione fu immediata, nacque un comitato che interessò la politica locale, la Marina militare e infine il governo.

"La prima interrogazione la presentammo il 31 ottobre - ricapitola il deputato pentastellato, che fa parte della Commissione Difesa e della Commissione Ambiente - ma valutammo la risposta arrivata dalla Difesa del tutto insoddisfacente. Si concentrava più sul muraglione che sui capannoni, lo abbiamo vissuto come un voler evitare l'argomento. A nostro avviso, dagli elementi e dagli studi che avevamo in mano, si dimostrava che queste coperture ormai vecchie dovevano essere sostituite perché a fine corsa. Come sapete il pericolo dell'amianto si fa concreto quando viene meno l'integrità strutturale. Se si fosse prodotta la relazione di un tecnico che ci avesse garantito che erano ancora in efficienza, non ci sarebbe stato bisogno di cambiarle. Ma così non è stato".

Unica strada la bonifica, ovvero la sostituzione. Operazione che dovrebbe partire entro fine anno. Saranno tre i fabbricati oggetto dei lavori: il 165, il 166 e il 177. Sorgono a ridosso dell'area verde di Marola, proprio al di là del muro. "Si parte con la progettazione nei prossimi mesi - spiega Traversi - Nel 2020 dovrebbero iniziare i lavori sui capannoni 165 e 177, mentre il 166 sarà bonificato nel 2021. In due anni quindi la situazione dovrebbero essere normalizzata, almeno per quell'area. Il focus sull'arsenale spezzino in ogni caso non si ferma qui, ci sono altri manufatti che seguiranno questo iter. Vi daremo dettagli più avanti". Spesa totale per questa prima fase dei lavori: 700mila euro. Per il capannone 165, il primo a finire sotto i ferri, costerà 180mila euro solo la bonifica, a seguito di progettazione esecutiva (20mila euro), e sicurezza (10mila euro). "Cifre comunque alla porta dell'amministrazione difesa. Se non dovesse muoversi nulla entro i termini comunicati, inizieremo a fare delle denunce", annuncia infine Traversi.

Ad ascoltare la relazione del collega anche Manuela Gagliardi di Forza Italia, autrice di un questione time in merito lo scorso inverno, che chiede di "rilanciare sull’attività dei monitoraggi a più ampio raggio, a tutta la base navale”. Di area governativa invece Lorenzo Viviani della Lega che nota come Marola sia "un meraviglioso borgo schiacciato da un arsenale che ha perso la sua posizione a livello strategico e militare”.
“Finalmente arrivano delle risposte positive, ci fa piacere che su un tema così importante si sia riusciti a lavorare in concerto - dice Jessica De Muro, consigliera M5S che si è fatta megafono delle richieste dei marolini - E’ un risultato meraviglioso, che va al di là delle speranze. Stiamo riuscendo a superare il muro". "Ora non abbassiamo la guardia - chiede Donatella Del Turco - Marola è un borgo segnato da questa divisione dal mare, che merita attenzione particolare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News