Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Settembre - ore 22.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Enel e malattie, Viale apre all'indagine epidemiologica

"Ma aspettiamo il decreto attuativo della nuova disciplina nazionale". Una risposta che non piace a Battistini (Liguria in Comune): "Muoversi immediatamente". Intanto Regione e sindacati si siedono attorno a un tavolo.

La Spezia - Un'indagine epidemiologica nella zona attorno alla centrale Enel? L'assessore regionale alla salute Sonia Viale, vice presidente della Regione, dice sì. Lo fa rispondendo all'interrogiazione odierna del consigliere di opposizione spezzino Francesco Battistini (Italia in Comune), che nel suo documento, sottoscritto anche dal compagno di gruppo Gianni Pastorino, chiedeva alla giunta, nell’ambito dei protocolli sul futuro dell’area di Vallegrande e della centrale Montale , di svolgere, in collaborazione con Asl5 e Arpak, una puntuale analisi epidemiologica “per analizzare le ragioni della maggiore incidenza di malattie cardio-respiratorie nella provincia della Spezia rispetto ai dati nazionali e verificare se una delle ragioni sia riconducibile alla presenza da quasi sessantanni anni della centrale elettrica alimentata a carbone”. Insediamento sul cui futuro, com'è noto, il dibattito è bollente. L’assessore alla salute Sonia Viale, si legge nel resoconto diramato dalla Regione, “ha condiviso l’importanza di una indagine epidemiologica nella zona zona e ha ricordato l’approvazione, nel marzo scorso, della nuova disciplina nazionale che prevede una mappatura del territorio per raccogliere informazioni in ogni regione sugli eventi sanitari”. Viale ha affermato che “una volta che il governo avrà emanato i decreti attuativi del provvedimento anche Regione Liguria avvierà un costante monitoraggio epidemiologico e sicuramente anche quel territorio non potrà non essere oggetto della mappatura”.

Ma se apertura c'è stata, questa non è avvenuta nel modo auspicato dal Battistini. “L’indagine epidemiologica si farà, secondo l’assessore Viale, solo dopo la pubblicazione dei decreti attuativi del testo nazionale approvato nei mesi scorsi. Secondo le intenzioni della giunta, l’indagine sarebbe una risposta a un obbligo di legge, piuttosto che a una legittima domanda della cittadinanza, su cui è necessaria urgenza – si legge nella nota diffusa dal consigliere regionale di minoranza - A Spezia aumentano le malattie cardiorespiratorie: Enel ritiene che la colpa non sia attribuibile all’inquinamento prodotto dalla centrale in quasi 60 anni di attività, bensì allo stile di vita errato della popolazione in seguito all’uso di alcol e fumo. A fronte di una tesi del genere, che per noi suona surreale, è necessario avviare subito un’indagine epidemiologica anticipando gli obblighi di legge. Non sappiamo quali siano le tempistiche dei decreti attuativi, specie con un Governo instabile e litigioso come quello che abbiamo; la giunta regionale, dunque, deve attivarsi immediatamente. Tutte le nostre prossime iniziative a riguardo andranno in questo senso, sia in consiglio regionale sia in commissione sanità. La questione, peraltro, non può riguardare soltanto il registro tumori, ma tutte le patologie che attualmente si registrano, visto che si sta discutendo il futuro dell’area. La Regione deve assumersi la responsabilità di finanziare e avviare un’indagine, non può sottrarsi attendendo provvedimenti che devono essere ancora varati”.

E sempre oggi si è tenuto l’incontro tra la Regione Liguria e i delegati sindacali che rappresentano i lavoratori della centrale Enel della Spezia: al centro della riunione, naturalmente la questione del futuro dell’impianto di Vallegrande. “Regione e sindacati – così la nota arrivata da Genova - condividono la necessità di avviare un percorso condiviso sul futuro degli spazi al momento occupati dalla centrale e più in generale sul futuro industriale della città, e che tutti i rappresentanti delle parti sociali e delle forze sindacali prendano parte agli incontri di confronto che si terranno in futuro tra i diversi stakeholders”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News