Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Gennaio - ore 21.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Non avevo mercato in serie B, ora marco Ilicic"

Simone Bastoni per quattro stagioni mandato in prestito in serie C e ora tra i più positivi in serie A. "Qui se ti alleni sempre al massimo, sai che l'occasione capiterà. Devo curare la fase difensiva e spero di poter sfruttare il sinistro presto"

rivelazione
"Non avevo mercato in serie B, ora marco Ilicic"

La Spezia - Ritiro con la prima squadra in vista della serie B e prestito in serie C. Una, due, tre e quattro volte. Poi un bel giorno arriva un'annata in cui il club è appena stato promosso, il ritiro non si fa perché non c'è tempo e tu ti ritrovi titolare in serie A. L'esigenza diventa scelta tecnica a suon di prestazioni e Simone Bastoni a 24 anni, in un paio di mesi, cambia le prospettive forse di un'intera carriera da calciatore.

Ancora due partite e mezza da titolare e avrà accumulato un minutaggio maggiore in una dozzina di giornate di serie A rispetto a cinque stagioni da calciatore dello Spezia in serie B.
"Non ci penso onestamente. E' chiaro che fa piacere a tutti giocare, come potrebbe essere diversamente. E io sto cercando in tutti i modi di convincere il mister a darmi fiducia. Ma questo succedeva anche la scorsa stagione, da quel punto di vista non cambia il mio atteggiamento. Io mi sentivo già parte del gruppo”.

Eppure dopo il campionato scorso era tra quelli a cui il club aveva prospettato il prestito per non rischiare di trovare poco spazio.
“E' così, in teoria sarei dovuto andare via. Poi però non ci sono state proposte che ritenevamo, io e il procuratore, potessero essere giuste per me. Mi sarei misurato ancora con la serie B senza problemi, ma la verità è che erano arrivate richieste solo dalla serie C. Alla fine sono rimasto per giocarmi le mie carte. Siamo in tanti, ma ho sempre saputo che qua l'occasione può presentarsi a tutti perché è sempre stato così. Basta lavorare sodo e farsi trovare pronti”.

A proposito dell'anno scorso. Senza la sua buona prova da centrale difensivo d'emergenza all'ultima giornata a Salerno, lo Spezia forse non sarebbe arrivato terzo in classifica. E ai play off sarebbe stato tutto più difficile.
"Appunto, la mentalità è allenarsi sempre sapendo che può toccare a te, anche se magari non giochi da settimane. Per quella partita di Salerno, in particolare, mi allenavo da centrale da un po' perché Capradossi e Marchizza si erano infortunati ed eravamo contati. Il mister mi ha spiegato cosa fare... alla fine è quasi come giocare da terzino. La differenza è che la fase difensiva è preponderante, ci vuole tanta applicazione e bisogna evitare anche il minimo errore".

Il ruolo di terzino ormai le è stato cucito addosso. Nella Primavera la ricordiamo mezzala invece.
“Già dall'anno scorso mi era stata prospettata come soluzione ideale per le mie caratteristiche. Avevo già fatto il quinto a sinistra a Trapani, ma per non più di quattro o cinque partite. Facendo la mezzala comunque andavo spesso verso l'esterno, alternando all'inserimento centrale. Chiaro che la fase difensiva è quella che sto cercando di curare con più attenzione e apprendere velocemente. Fortuna che siamo una squadra che si aiuta molto in campo. E poi c'è Claudio (Terzi, ndr) che fa da guida nei movimenti in campo".

Ci racconti quel duello spalla a spalla con Ilicic nel primo tempo contro l'Atalanta, in cui è riuscito a passargli davanti e rubargli il pallone.
"Non c'è molto da dire, ho solo pensato che se arrivava in porta sarebbero stati guai..."

Durante la partita contro la Juventus ha piazzato uno scatto a 32.94 km/h, tra i più veloci di giornata in serie A. Segno che la forma è ottima.
"Forse perché avevo Cuadrado sulla mia fascia e ho provato a stargli dietro... (ride, ndr)"

Bastoni mezzala sinistra, Vignali mezzala destra del centrocampo della Primavera di Fabio Gallo. Erano quasi sei anni fa. Ora siete entrambi terzini, ma in serie A...
"Con Luca giochiamo assieme da tredici anni nello Spezia, da spezzini. Siamo davvero cresciuti assieme, poi è arrivato anche Giulio (Maggiore, ndr) con noi. In questi anni, pur andando in prestito per quattro stagioni di fila, non ci siamo mai persi di vista. Che dire, da bambini sognavamo assieme di poter vivere emozioni come queste e ora le stiamo vivendo. Oltretutto con la maglia del club della nostra città. Penso sia una cosa più unica che rara".

E' lei il primo calciatore di serie A nato a Follo?
"Non lo so, dovrei informarmi. A Piana Battolla, il mio paese, forse non c'era addirittura mai stato un calciatore professionista".

La salvezza sarebbe un'impresa non minore della promozione della scorsa stagione. Il bottino fino ad oggi è positivo. Nel percorso ci sono anche sconfitte pesanti, che però non vi hanno abbattuto.
"Dalle sconfitte rotonde contro Sassuolo e Juventus abbiamo cercato subito di trarre un insegnamento. L'obiettivo per noi è chiaro, ma in campo cerchiamo solo di fare la prestazione come ci chiede il mister. Il resto viene di conseguenza, sapendo che se c'è la prestazione è più facile ottenere punti e che comunque il viaggio sarà lungo. Il nucleo dell'anno scorso ha ancora la sensazione di aver fatto qualcosa di impensabile. A volte mi viene in mente la canzone ironica che cantavano gli ultras ai tempi della serie C ("Lo Spezia in serie A..., ndr). Abbiamo aperto un capitolo della storia dello Spezia e lo stiamo ancora scrivendo".

Ultima cosa, nelle giovanili lei era conosciuto soprattutto per il tiro di sinistro. Che fine ha fatto?
"E' ancora lì, speriamo di avere l'occasione di metterlo a frutto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News