Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre - ore 19.26

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il debutto in serie A cade sulle spalle dei veterani

A poche ore dall'esordio, tanti dei protagonisti della cavalcata verso la promozione saranno chiamati a difendere ancora una volta la maglia bianca. Nonostante già dieci acquisti, il mercato darà ancora più di uno spunto.

conto alla rovescia
Il debutto in serie A cade sulle spalle dei veterani

La Spezia - La numero 10 rimane non assegnata e la speranza è quella di metterla sulle spalle di Riccardo Saponara entro la fine del calciomercato. Ma intanto le ore che separano lo Spezia-cantiere dal debutto in serie A sono invariabilmente scese sotto le cento. E' successo a metà giornata di oggi, mentre al Ferdeghini-Intels si presentavano tre dei nuovi. O meglio due, perché Marchizza da qui non se n'è mai andato veramente né con la testa, né con il cuore. E così anche lui potrebbe a buon diritto essere annoverato tra i veterani a cui è affidato il compito di rompere il ghiaccio con il campionato più difficile mai affrontato dallo Spezia Calcio nella sua storia. Quello del 1944 escluso, ovviamente.

Marchizza si riprende la 5 ("non ne avrei accettata nessun'altra", dirà a margine della conferenza). E così si rimettono la loro casacca Acampora (4), Bartolomei (16), Bastoni (20), Erlic (28), Ferrer (21), Galabinov (9), Gyasi (11), Maggiore (25), Mastinu (15), Mora (6), Ramos (3), Matteo Ricci (8) e Terzi (19). Unica variazione per Vignali, vestito della 69. Alcune di queste potrebbero cambiare padrone prima del 5 ottobre. Ma intanto toccherà a molti di loro difendere quelle maglie domenica contro il brillante Sassuolo.
Lo Spezia, a differenza per esempio del Crotone, ha deciso di cambiare molto. Ai dieci nuovi già messi sotto contratto seguiranno altri nelle prossime ore. Agoume dall'Inter è affare fatto, così come Chabot dalla Sampdoria. Lo stesso pare finalmente di poter dire per Verde, per cui Meluso ha vinto le resistenza dell'AEK Atene mettendo sul piatto una quota maggiore per il prestito oneroso (500mila, da 300mila euro che erano) e scalando la cifra dal prezzo di riscatto del cartellino a fine stagione (600mila rispetto a 800mila euro). Del brasiliano Sena si saprà di più nelle prossime ore, ma anche in questo caso si parla di una trattativa che pare già chiusa.

Mollate le piste che portavano a Iturbe e Obi, anche l'olandese Hendrix sembra ormai essere lontano dopo l'arrivo di Pobega. Come detto Saponara rimane il sogno. Si segue poi l'evolversi della situazione del Bologna, che cerca una punta, per dare l'affondo decisivo per Federico Santander. Infine c'è Nzola, imprigionato nella situazione kafkiana del Trapani. Aspetta chiarezza come il resto dei suoi compagni e aspetta solo lo Spezia, avendo messo in secondo piano ogni altra ipotesi. Questi gli obiettivi, tutti concreti e potenzialmente alla portata. Salvo sorprese delle ultime ore di mercato, quando il discorso liste potrebbe creare occasioni da non farsi sfuggire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News