Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Aprile - ore 19.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il risveglio del dragone Galabinov, Lamanna è monumentale

Il centravanti si sblocca ed è devastante, Da Cruz punto di riferimento. Capradossi non perfetto nei due gol subiti.

Le pagelle
Il risveglio del dragone Galabinov, Lamanna è monumentale

La Spezia - Lamanna 7,5 - Fenomenale risposta su Troiano, meno sicuro sulla punizione di Ciciretti che lo obbliga ai pugni. Ma è la parata all’ultimo minuto del recupero che gli vale una medaglia al valore.

Vignali 5,5 - Come a Salerno con Rosina, lascia a Ninkovic lo spazio per il cross di esterno che permette il raddoppio ospite. Quando il serbo viene espulso si allenta la pressione su di lui e può permettersi qualche sgroppata.

Terzi 6,5 - Esce per fermare Ciciretti lanciato a rete in un frangente in cui la partita poteva nuovamente cambiare. Celebra il traguardo delle 150 presenze superate diventando uno dei motori della rimonta con la palla al piede.

Capradossi 5 - Manca il pallone che Brosco insacca, si perde Ardemagni che allunga la zampa e raddoppia. Il secondo tempo non porta problemi, ma il voto è già compromesso.

Augello 6,5 - Già nel primo tempo uno dei più positivi dello Spezia grazie alla differenza di passo con Laverone sfruttata a suo vantaggio.

Bartolomei 5,5 - Centra prima Okereke e poi Da Cruz con due tiri da fuori che potevano fare male non solo ai compagni, un po’ frettoloso nel liberarsi del pallone ma come sempre generosissimo (dal 40’st De Francesco sv).

Ricci 5,5 - Il pressing lo asfissia per tutto il primo tempo, quindi si sceglie spesso il lancio lungo e poco la palla a terra. Meglio nella ripresa, ma è troppo spesso a terra (Dal 28’st Maggiore 5,5 - Non entra con lucidità e gestisce il pallone un po’ a fatica)

Mora 6,5 - La presenza costante di Addae lo mette in difficoltà, poi quando l’Ascoli rimane in dieci trova ossigeno e costruisce con il sinistro lo splendido assist per Galabinov.

Okereke 7 - Bloccato in un angolo, almeno finché Galabinov non sale in cattedra e gli libera lo spazio per iniziare a giocare con i suoi tempi. Intelligente nel finale a tenere il pallone quando la partita è ormai finita.

Galabinov 7,5 - La sua partita inizia dopo il rigore trasformato ed è devastante: l’azione da sfondamento che porta al pareggio, la traversa su punizione, il gol del sorpasso e tante altre giocate di personalità.

Da Cruz 7 - La squadra gli affida il pallone e aspetta la superiorità numerica, molto spesso ripagata. Poi sembra fare di tutto per non segnare il quarto gol facendo diventare matto il suo allenatore e tutto il Picco.


All. Pasquale Marino 7 - A inizio partita la squadra non pare fare nulla di quello che lui aveva chiesto in settimana. Cammina avanti e indietro senza sosta, le mani vanno dal cielo alla terra, le braccia tese e il viso paonazzo. Finisce allo stesso modo quando lo Spezia spreca in cinque contro due il quarto gol a più ripetizione. In mezzo però si gode una squadra che oggi mette in mostra tutto il potenziale dell’attacco con Okereke e Da Cruz esterni e Galabinov centravanti. C’è voluto un doppio schiaffone per ritrovare la strada.
Lamanna 7,5 - Fenomenale risposta su Troiano, meno sicuro sulla punizione di Ciciretti che lo obbliga ai pugni. Ma è la parata all’ultimo minuto del recupero che gli vale una medaglia al valore.

Vignali 5,5 - Come a Salerno con Rosina, lascia a Ninkovic lo spazio per il cross di esterno che permette il raddoppio ospite. Quando il serbo viene espulso si allenta la pressione su di lui e può permettersi qualche sgroppata.

Terzi 6,5 - Esce per fermare Ciciretti lanciato a rete in un frangente in cui la partita poteva nuovamente cambiare. Celebra il traguardo delle 150 presenze superate diventando uno dei motori della rimonta con la palla al piede.

Capradossi 5 - Manca il pallone che Brosco insacca, si perde Ardemagni che allunga la zampa e raddoppia. Il secondo tempo non porta problemi, ma il voto è già compromesso.

Augello 6,5 - Già nel primo tempo uno dei più positivi dello Spezia grazie alla differenza di passo con Laverone sfruttata a suo vantaggio.

Bartolomei 5,5 - Centra prima Okereke e poi Da Cruz con due tiri da fuori che potevano fare male non solo ai compagni, un po’ frettoloso nel liberarsi del pallone ma come sempre generosissimo (dal 40’st De Francesco sv).

Ricci 5,5 - Il pressing lo asfissia per tutto il primo tempo, quindi si sceglie spesso il lancio lungo e poco la palla a terra. Meglio nella ripresa, ma è troppo spesso a terra (Dal 28’st Maggiore 5,5 - Non entra con lucidità e gestisce il pallone un po’ a fatica)

Mora 6,5 - La presenza costante di Addae lo mette in difficoltà, poi quando l’Ascoli rimane in dieci trova ossigeno e costruisce con il sinistro lo splendido assist per Galabinov.

Okereke 7 - Bloccato in un angolo, almeno finché Galabinov non sale in cattedra e gli libera lo spazio per iniziare a giocare con i suoi tempi. Intelligente nel finale a tenere il pallone quando la partita è ormai finita.

Galabinov 7,5 - La sua partita inizia dopo il rigore trasformato ed è devastante: l’azione da sfondamento che porta al pareggio, la traversa su punizione, il gol del sorpasso e tante altre giocate di personalità.

Da Cruz 7 - La squadra gli affida il pallone e aspetta la superiorità numerica, molto spesso ripagata. Poi sembra fare di tutto per non segnare il quarto gol facendo diventare matto il suo allenatore e tutto il Picco.


All. Pasquale Marino 7 - A inizio partita la squadra non pare fare nulla di quello che lui aveva chiesto in settimana. Cammina avanti e indietro senza sosta, le mani vanno dal cielo alla terra, le braccia tese e il viso paonazzo. Finisce allo stesso modo quando lo Spezia spreca in cinque contro due il quarto gol a più ripetizione. In mezzo però si gode una squadra che oggi mette in mostra tutto il potenziale dell’attacco con Okereke e Da Cruz esterni e Galabinov centravanti. C’è voluto un doppio schiaffone per ritrovare la strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News