Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre - ore 18.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Intanto sarà un Picco a misura di telespettatore

Emissari della Lega serie A di nuovo in città per fare il punto sui lavori in vista della richiesta di deroga. Tanti i lavori da fare, ma dal vivo non tutti saranno evidenti. Oltre ai fari, via al "taglio" delle barriere dei distinti.

nuovo sopralluogo

La Spezia - Fari accesi allo stadio Picco ieri sera. La luce artificiale ha illuminato nuovamente i passi degli emissari della commissione criteri infrastrutturali della serie A, accompagnati dai responsabili dello Spezia Calcio, dagli architetti dello studio Dontstop Architettura di Milano e dai tecnici del Comune della Spezia. Nuovo sopralluogo in vista dell'inizio dei lavori per rendere all'impianto sportivo cittadino quantomeno applicabile la richiesta di deroga fino a fine stagione. Non a caso erano presenti anche gli esperti di AEC Illuminazione, l'azienda toscana che si occuperà di aggiornare il materiale delle torri faro per renderlo compatibile con le richieste televisive della massima serie.
Rimane questa l'operazione più importante, e più costosa, tra quelle che coinvolgeranno il centenario Picco nelle prossime settimane. Il cantiere aprirà solo quando il materiale sarà stato prodotto e pronto all'installazione, quindi di certo dopo l'esordio dello Spezia sul campo del Manuzzi-Orogel contro il Sassuolo ma prima di Spezia-Fiorentina del 18 ottobre. Anche questo match si svolgerà di sicuro in Romagna. Per quanto riguarda l'area media dietro la tribuna, confermato un intervento light che possa essere rimosso a fine stagione per intervenire in maniera più sostanziale sulle strutture. Tutto dipende dal mantenimento della categoria da parte di Italiano e dei suoi uomini.

La lista dei lavori di quest'anno è comunque già abbastanza lunga, anche se molte delle migliorie non saranno immediatamente visibili come per esempio quelle sul cablaggio degli impianti dedicati alle riprese televisive. Più evidente, sia dal vivo che dallo schermo, il rinnovamento delle strutture dedicate alle telecamere principali, alle telecamere offside, a quelle a piattina centrale a bordo campo, la reverse, le due telecamera retro porta, una a bordo campo e una alta, e la telecamera tattica. Da rivedere anche il tunnel per l’ingresso in campo, gli spogliatoi, la mixed zone. l'area per il detentore dei diritti televisivi e la sala conferenze.
Ultima ma non ultima, la questione delle barriere tra spalti e campo. A dir poco anacronistiche quelle del settore distinti, peraltro coperto dall'impianto a circuito chiuso a grande definizione di cui il Picco è dotato dal 2015, costato allora 230mila euro. Un sistema in grado di riconoscere gli eventuali autori di intemperanze, che per fortuna non si registrano più da tempo nello stadio spezzino, senza timore di errori. I muri in plexiglass saranno probabilmente "tagliati" ad un'altezza più contenuta per il resto della stagione, ma con l'idea di farli sparire definitivamente già in una prossima tranche di lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News