Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre - ore 22.41

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"La politica non cambia"

la lettera
"La politica non cambia"

- Gentile redazione, 

Stiamo vivendo un momento terrificante della nostra società, i morti sono più di 10.000 i nostri sanitari ed i nostri sistemi di assistenza sono al limite, per fortuna abbiamo una forte rete di volontariato che sorregge il paese in questo momento, lo sforzo è a tutto campo l'Italia si risolleverà. Come spesso accade, l'anello debole è la politica, quella politica fatta di polemica da una parte e di propaganda dall'altra. L'europa si sta auto distruggendo, come sempre capeggiata dalla Germania, che ancora una volta dimentica che alla fine del secondo conflitto gli stati conivolti e da loro aggrediti, hanno congelato il 50% dei suoi debiti, richiedibili solo dopo che la germania si fosse riunificata, e quando questo è avvenuto sono stati abbuonati ai nostri amici Tedeschi.Ancor peggio, abbiamo paesi dell'est razzisti ancor più chiusi che quando facevano parte del patto di Varsavia, nazioni tipo l'austria e l'olanda, grandi come la Lombardia che voglione dettare legge anche di fronte ad una tragedia umana che sta colpendo paesi membri che hanno fondato l'Europa come lItalia, ma non dimentichiamo la Francia,la Spagna il Belgio, il Lussemburgo,il Portogallo, la Grecia ed altri.Ancora una volta l'Europa si dimostra una somma di interessi, spesso in competizione fra loro, e della vera integrazione non se ne parla...In Italia non stiamo meglio, da una parte i soliti venditori di bufale del duo Salvini-Meloni, che sono sulla carta alleati, ma giocano a chi la spara più grossa per avere consensi che li portino alla leadeship del centro destra, dall'altra un governo inadeguato ad affrontare un problema cosi grosso per le sue capacità che gioca sui numeri e sulle azioni a sostegno, ultima lo stanziamento di milioni di euro che stanziamento non è, si tratta di un anticipo di cassa di soldi dovuti ai comuni nel mese di maggio ed anticipati ad aprile.Oggi dobbiamo andare avanti così per il bene del paese, finita l'emergenza, l'Italia avrà bisogno per la ricostruzione di figure ben più capaci ed autorevoli. Abbiamo letto con attenzione le parole del presidente Toti sulle misure da intraprendere per la ripresa della nostra regione e ci trova d'accordo, maggiore libertà negli appalti pubblici, meno lacci e burocrazia( i ricorsi al tar sono ormai di prassi), questo non vuol dire abbassare la guardia contro la corruzione o le infiltrazioni mafiose, storia insegna che nonostante tutto i tentativi ci sono sempre, ma sveltire gli impegni  si traducono in meno costi e più celerità nel portare a termine l'opera,il ponte Morandi insegna. In provincia si deve attivare da subito un tavolo con tutte le forze politiche e sociali, per fare fronte comune affinchè si portino a termine le opere intraprese come l'ospedale ( quanto ci sarebbe servito?) e la variante aurelia, e che insieme alle associazioni con l'apporto della fondazione e dei fondi sociali europei si individuano progetti di valenza provinciale, questa è la nostra proposta perché per noi il domani è già oggi.

Roberto Fiore
Azione con C. Calenda Val di Magra

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News