Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 02 Marzo - ore 16.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pci: "Berrino non perde occasione per fare revisionismo storico"

Partito Comunista Italiano

Liguria - Riceviamo dalla federazione ligure del Partito comunista italiano

L'assessore regionale Giovanni Berrino non perde occasione per dare sfogo al suo becero tentativo di revisionismo filo fascista facendo leva sulle menzogne di Pansa, definito da storici ed autori autorevoli come Giorgio Bocca al pari di "un pazzo, un mascalzone, un falsario, un mentitore" e su ricostruzioni storiche senza fondamento riguardanti vicende sulla cui falsa veridicità, vedi quella relativa a Giuseppina Ghersi per cui si parla di stupro nel tentativo di demonizzare i Partigiani senza che esista la ben che minima prova, c’eravamo già espressi.

Vicende che spesso hanno visto protagoniste/i collaborazionisti fascisti che prima di essere uccisi hanno contribuito a seminare odio e terrore e che addirittura, come nel caso di Norma Cossetto, a differenza di quello che qualcuno vorrebbe far credere, sono stati poi uccisi dai nazifascisti perchè creduti spie.

Ancora una volta da parte di certa politica c'è l'evidente tentativo di mettere sullo stesso piano oppressi ed oppressori, massacrati e massacratori. Noi non ci stiamo!

Berrino, in questi giorni in cui ricorre l'anniversario dell’eccidio di Marzabotto, farebbe meglio a pensare ed a portare rispetto a quella che è stata, senza ombra di dubbio, la più efferata strage nazifascista di civili compiuta in Europa: 1830 vittime tra cui 266 bambini trucidati senza pietà; una terribile strage che ha segnato il nostro Paese nella lotta di Resistenza. Su questo però dall’assessore Berrino nessuna parola.

Come Comunisti continueremo, con la nostra azione politica, a salvaguardare la memoria storica del Paese contro questa vergognosa e preoccupante opera di revisionismo storico di cui anche certa pseudo "sinistra" è complice.

La storia non si cancella, non si racconta a metà e non si riscrive a proprio uso e consumo con ridicole iniziative alla ricerca di consenso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News