Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Rampe fondamentali. Su Albiano risposte di Cancellieri insufficienti"

Lo sfogo del comitato sulla viabilità "I due fiumi" dopo le dichiarazioni del ministro in risposta al question time della parlamentare spezzina Gagliardi. I cittadini: "A noi servono soluzioni in tempi brevi per tutti".

"le soluzione del problema c'è"

Lunigiana - “Abbiamo appreso che in questi giorni l’onorevole Gagliardi al tradizionale Question Time della Camera ha formulato un’interrogazione al Governo sul destino del ponte di Albiano e delle rampe autostradali. La risposta del vice-ministro al Mit Giancarlo Cancelleri si è limitata a toccare problematiche collegate al territorio toscano (rimozione delle macerie del ponte crollato, ricostruzione ponte e progettazione e costruzione delle rampe sull’A15) ignorando completamente il territorio ligure ed in particolare le problematiche viabilistiche della piana di Ceparana che stanno mettendo in ginocchio 900 aziende con circa 6.000 dipendenti e 34.000 cittadini impossibilitati a spostarsi , a vario titolo, senza condizionamenti legati al meteo o ad eventuali incidenti (ad oggi si verificano circa 5 incidenti /mese )". Comincia così lo sfogo del comitato spontaneo dedicato alla viabilità della zona "I due fiumi".

"Dai dati in nostro possesso- continua la nota del comitato- sulla via provinciale di Bottagna attualmente il traffico medio registrato è costituito da 30.000 automezzi/die di cui circa il 20% costituito da mezzi pesanti (dagli autobus agli autoarticolati) con picchi di transito al primo mattino 7-8,30 e alla sera 17-18,30 in particolare per le autovetture. All’incrocio di Bottagna il traffico, con la strada provinciale della Ripa aperta, si riparte in due direzioni, una verso Sarzana e l’autostrada e l’altra verso La Spezia. In caso di chiusura della Ripa tale traffico si riversa sulla s.s. di Buonviaggio, inadatta ad assorbire tale mole e tipologia di traffico giornaliero che, in caso di emergenze sanitarie, puo’ costituire un serio ostacolo per i mezzi di soccorso che si devono dirigere agli Ospedali di Sarzana e La Spezia e, durante l’anno scolastico, causare ritardi agli autobus che trasportano gli studenti alle scuole superiori situate a Sarzana e La Spezia"
.
"Ricordiamo a tutti coloro che vogliono “fattivamente” interessarsi delle problematiche su esposte che l’unica soluzione “pronto uso” per mitigare, se non proprio risolvere il problema della viabilità dell’intero territorio tosco-ligure, collegato al crollo del ponte di Albiano - prosegue la nota -, è rappresentata dalla costruzione delle rampe sull’A12, già progettate e finanziate nel primo lotto della bretella Ceparana - Santo Stefano di Magra, per la cui realizzazione non sono emerse le criticità collegate alle rampe sull’A15. evidenziate anche dalla risposta al relativo question time del vice ministro. Non comprendiamo - prosegue la nota del Comitato- quale sia la ragione che impedisca a chi compete di adottare una decisione, a nostro avviso, scontata , condivisa da tutti gli amministratori locali del territorio interessato a partire dai sindaci dei quattro comuni liguri, dal Presidente della Provincia della Spezia e dal Presidente della Regione Liguria, a costo zero, senza lacci e lacciuoli burocratici, anche a seguito della conversione in legge del "Decreto semplificazioni”. V'è la necessità quindi di avviare al più presto il cantiere delle rampe sull’A12 da parte di un commissario peraltro già nominato dal Governo (Monica Paganini) con i relativi poteri straordinari. Occorre che il Governo metta a disposizione del commissario, come anticipazione di cassa, 5 milioni di euro, peraltro già compresi nel finanziamento del primo lotto del ponte Ceparana – Santo Stefano di Magra utilizzando la possibilità, per il riconosciuto stato emergenziale, di affidare d’urgenza i lavori ad Anas così come è stato fatto recentemente per la strada Bolano-Podenzana".

“Il tempo stringe, esiste la soluzione al problema, ci sono gli strumenti ed i mezzi per concretizzarla non possiamo attendere – conclude la nota- che ulteriori ritardi non consentano di restituire ai cittadini, ai lavoratori, agli studenti della Bassa Va di Vara il diritto alla libera circolazione, alla libera impresa, al lavoro, allo studio ed alla salute. In conclusione si sottolinea, per l’ennesima volta, che, alla luce della critica situazione viabilistica della piana di Ceparana, "i cosiddetti decisori" debbano prendere una decisione in quanto l’attendismo non premia ed i cittadini sono ormai sempre più esasperati. L’autunno avanza: attendiamo risposte concrete in tempi brevi “.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News