Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Ottobre - ore 10.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'indignazione non si fa attendere: "Poteva essere un Morandi bis" | Foto | Video

Cittadini sulle barricate: "Disastro annunciato".

'Grazie' Covid-19

Lunigiana - In un'assolata mattina di aprile il Covid-19 lascia i pensieri degli spezzini. Ma non è una sparizione né definitiva – la pandemia continuerà a farci purtroppo compagnia – né motivata da liete ragioni. In queste ore le antenne infatti sono tutte puntate verso il ponte di Albiano, il ponte che da stamani non c'è più, interamente crollato verso le dieci del mattino. Un boato, poi il viadotto che si accomoda in un fiume Magra che, povero di acque, di questi tempi fa onore al suo nome assetato. Un'infrastruttura interamente collocata in provincia di Massa Carrara – da un lato Albiano, dall'altro Caprigliola -, ma di fatto incastonata nello Spezzino e fondamentale per la viabilità tra Val di Magra e Val di Vara. La nota positiva, arrivata un'oretta dopo l'approdo dei soccorsi, è che – e qua bisogna 'ringraziare' le misure anti contagio – sull'infrastruttura stavano transitando, al momento del crac, solo due veicoli. E che i conducenti di entrambi sono in salvo: uno addirittura è uscito tranquillamente con le sue gambe dal mezzo, l'altro è stato elitrasportato a Pisa. Come prevedibile la vox populi si è subito scatenata, anche, perché no, per sfogare la tensione e la rabbia per quanto accaduto. I “L'avevo detto io!” si sprecano e questa volta si sostanziano – benché non si al momento possibile collegare le due cose – del sopralluogo effettuato appena lo scorso novembre dopo che era stata segnalata una crepa versante Albiano.

Sulla pagina istituzionale della Regione Liguria, a commento delle righe con cui De Ferrari ha voluto precisare che “si attiverà per valutare i disagi nello Spezzino conseguenti all'interruzione di un collegamento molto importante per la mobilità in zona” -, in tanti evocano lo spettro del Ponte Morandi. “Per anni ci siamo dovuti passare quando la Ripa era chiusa. Per anni abbiamo lamentato la precarietà del ponte e nessuna autorità né ligure né toscana ha fatto nulla. Poteva essere un Morandi bis!”, scrive una utente. “Questa è la dimostrazione che non si è imparato nulla dal Morandi. Che tristezza”, le fa eco un'altra. “Una disgrazia preannunciata purtroppo, erano già state fatte delle denunce sullo stato di quel ponte ma chi di dovere ha detto che non c erano rischio”, osserva una ragazza. “In questo caso la pandemia ci ha salvato”, “Ci è andata bene che eravamo in quarantena sennò sarebbe stata una strage”, commentano altri pensando all'effetto paradossalmente benefico, in questo frangente, della pandemia (o, meglio, delle restrizione pandemia correlate). “Ma quei tecnici Anas che lo hanno dato agibile mesi fa ora come ce lo spiegano”, recita un altro commento che riprende i rilievi di novembre.
Indignazione vibrante anche sulla pagina di Città della Spezia. “Era prevedibile. Una dannata toppa ci avete messo! Era un crollo che ci aspettavamo”, “Ampiamente previsto, quel ponte non poteva sopportare a lungo il traffico presente e soprattutto le sollecitazioni quando chiude la ripa”, o ancora “i responsabili ci sono. A novembre dissero che era sicuro, lo rattopparono. Ora si assumano la responsabilità delle loro azioni”. Il tutto contornato dalla richiesta diffusa di non vedere “dichiarazioni di facciata” da parte di istituzioni e autorità, nonché dal sollievo per l'assenza di vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Video

08/04/2020 - Crolla il ponte di Albiano le drammatiche immagini dei testimoni


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News