Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Settembre - ore 19.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Crociata non può essere il Bronx", lunedì il Questore a Sarzana | Foto

Stamani faccia a faccia fra amministrazione e residenti riuniti dalla Consulta: "Non ne possiamo più di spaccio e degrado".

"Crociata non può essere il Bronx", lunedì il Questore a Sarzana

Sarzana - Val di Magra - Si parlerà anche dei problemi del quartiere di Crociata nell'incontro fra la giunta Ponzanelli e il nuovo questore della Spezia Silvia Burdese che lunedì sarà a Sarzana per incontrare il sindaco e la sua squadra. Questa mattina intanto gli assessori Torri, Campi e Italiani insieme a consiglieri comunali dei gruppi di maggioranza e opposizione hanno partecipato all'assemblea pubblica indetta in via Mazzincollo dalla consulta territoriale, guidata dal decano Corrado Macchi e Alfio Campi, con i residenti della zona subito a ridosso dei binari (dove sono evidenti le tracce di bivacchi), che da tempo denunciano le condizioni di degrado dell'area dove furti e spaccio sono all'ordine del giorno.
Episodi accuratamente documentati dai cittadini che loro malgrado sono stati – e sono – spesso testimoni oculari di una situazione pericolosa e insostenibile. “Ieri sera sono andato personalmente a bussare ai finestrini di tre automobilisti che aspettavano di acquistare la droga intimandogli di andare via” ha raccontato uno di loro, “la settimana scorsa io e il mio compagno siamo stati importunati da degli spacciatori” ha proseguito un'altra, mentre qualcuno ha raccontato di aver addirittura trovato una cassaforte aperta e abbandonata nel proprio giardino da dei ladri. Emblematico, nel bel mezzo dell'incontro durato circa due ore - alla presenza di Carabinieri e Polizia - il passaggio su via Mazzincollo di un veicolo subito indicato dagli abitanti come appartenente ad un abituale “acquirente” di sostanze stupefacenti.

“Questa non è una riunione politica ma di quartiere – ha sottolineato in apertura Emanuela Cappelli, presidente della consulta territoriale di Crociata – abbiamo chiesto all'Amministrazione comunale di prendere posizione perché ci siamo sentiti abbandonati. Qui ciascuno ha subito furti o visto episodi di spaccio, ma ci sono anche altri problemi visto che siamo stati dimenticati anche per il taglio dell'erba o la sostituzione delle lampadine dei lampioni. Chiediamo un intervento concreto anche nei confronti delle Ferrovie perché non siamo più padroni nemmeno di lasciare fuori i panni stesi perché ci rubano anche quelli. Vogliamo vivere in pace e non sentirci il Bronx”.

Da parte dell'assessore alla sicurezza Stefano Torri è subito arrivata la rassicurazione sull'installazione di tutte le nuove telecamere di videosorveglianza entro metà 2020. “Essere qui oggi è un atto dovuto – ha detto – il problema è generalizzato e diffuso da molto tempo e riguarda tutta l'area ferroviaria. Abbiamo pronta un'ordinanza per fare in modo che le Ferrovie puliscano tutto mentre dalla Corte dei conti attendiamo risposte sul mancato rogito da parte della precedente amministrazione dell'acquisizione dell'area del metropark. I controlli di Polizia e Carabinieri ci sono, spesso anche in borghese, e non dovete esitare a segnalare ogni tipo di situazione, così come la Consulta deve continuare a fare con la giunta. Dalla prossima settimana – ha aggiunto – avvieremo anche il servizio del controllo di vicinato mentre sulla videosorveglianza attendiamo il preventivo per il nuovo server che consentirà di integrare anche le immagini dei privati. I vagoni sotto sequestro? Sono oggetto di una procedura fallimentare – ha concluso – ogni sera la Polizia Locale fa scendere le persone e chiederemo al Questore di potenziare i controlli”.

“Gli incontri con la consulta sono stati preziosi – ha proseguito l'assessore Barbara Campi - in Prefettura sono stati fatti tavoli con Forze dell'ordine e Ferrovie a cui abbiamo chiesto di bonificare l'area lato Millepiedi, di pulire i binari come hanno sempre fatto e sanare situazione del metropark visto che ad oggi non essendone ancora proprietari non possiamo fare nulla. Per quanto riguarda gli sfalci ci stiamo arrivando e da ottobre partirà il servizio della nuova squadra per il decoro”.
Fra i consiglieri comunali Pizzuto (Sarzana Popolare) ha evidenziato la necessità di un tavolo di coordinamento fra le parti, indicando con l'arrivo del Questore un nuovo percorso di collaborazione utile per arrivare alla risoluzione dei problemi. “I vigili non devono stare solo sulle spiagge ma anche a contrastare lo spaccio nei quartieri – ha tuonato Giorgi (M5S) – le istanze dei cittadini vanno ascoltate”. “Bisogna riappropriarsi dei luoghi critici – ha ricordato Castagna (PD) – magari con un'area di sgambatura per i cani e destinare in punti più sensibili le pattuglie utilizzate a Porta Parma contro i parcheggiatori abusivi”, mentre il segretario Pd Rosolino Vico Ricci ha chiesto anche il rinnovo delle consulte. A puntare l'attenzione su chi acquista droga - in maggioranza italiani a fronte di pusher prevalentemente stranieri - è stato invece Mione (Sarzana per Sarzana): “Se c'è chi vende è perché qualcuno acquista – ha detto – e in un anno in consiglio comunale non ho sentito dire una parola sul contrasto agli stupefacenti e alla tossicodipendenza. Mi spiace che non sia venuto il sindaco a metterci la faccia ma servono ordinanze e una presenza fissa delle forze dell'ordine”.

Molti, come detto, gli interventi degli abitanti costretti a fronteggiare quotidianamente episodi poco gradevoli: “Non dormo più – ha denunciato uno di loro - perché ogni notte sotto casa ho gente che spacca bottiglie, urla oppure lancia biciclette contro il muro come due giorni fa, mentre stamani c'era in giro una donna mezza nuda. La droga arriva tramite il treno, appena parte l'ultima carrozza si precipitano a prenderla”. “Il sottopasso è buio – ha aggiunto un'altra – lo skatepark è vuoto e pieno solo di sporcizia e siringhe. Io giro sempre con lo spray al peperoncino in tasca”. E mentre qualcuno ha tagliato corto “dateci il permesso per fare le ronde e ci pensiamo noi”, da tutti è stata ribadita la richiesta all'amministrazione di poter vedere da subito segnali concreti di attenzione alle sorti del quartiere che raccorda il centro di Sarzana con la zona della Variante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News