Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Ottobre - ore 18.39

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, Anpi al fianco del Comitato: "Troppi rischi"

Sarzana - Val di Magra - L'Anpi di Santo Stefano di Magra ha incontrato per la prima volta il Comitato "No#(Bio)digestore#Saliceti", allo scopo di appoggiare le iniziative promosse dal Comitato stesso e volte a sensibilizzare la popolazione sull'increscioso problema del rischio di costruzione di un impianto di smaltimento rifiuti denominato "Biodigestore" nel sito di Saliceti.
"Il rischio ecologico - dichiarano dall'Anpi - è molto elevato e preoccupante e coinvolgerà il suolo, le falde acquifere e l'aria, naturalmente. Il Comitato ha cercato in questi mesi di diffondere il più possibile informazioni ai cittadini con il fine di renderli consapevoli della situazione problematica che potrebbe derivare dall'edificazione di un impianto di questo genere, cercando anche di muovere le masse per ottenere l'attenzione della parte politica, che sembrerebbe avere voce in capitolo sulle decisioni importanti. L'ANPI cercherà di affiancare e sostenere il Comitato, partecipando e facendosi promotore degli eventi da esso programmati e contribuendo alla loro diffusione. Durante la riunione si è compreso quanto sia indispensabile un coinvolgimento degli altri comuni della zona, ugualmente interessati dall'effetto sul paesaggio che avrà il Biodigestore. Oltre a questo si dimostra necessario far esprimere anche il Consiglio Provinciale della Spezia, che, a tal proposito, non si è ancora pronunciato e sollecitare le reazioni dei politici locali, indipendentemente dagli schieramenti, cercando di far capire l'urgenza di una ferrea opposizione al progetto. I rischi associati al Biodigestore sono diversi, dall'emissione di odori sgradevoli ad un passo dal casello autostradale, con conseguente diminuzione del turismo, all'eventualità di un'esplosione, oltre al considerevole aumento della quantità di rifiuti da smaltire. Occorre lavorare tutti insieme per far propendere verso tecnologie alternative più economiche, più sicure e di dimensioni più ridotte, che siano in grado di far chiudere il ciclo dei rifiuti ad ogni Comune autonomamente".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News