Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Settembre - ore 15.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Spiagge libere, Comune vara le linee guide in attesa del bando

I chioschi saranno temporanei in attesa dell'attuazione del piano. Balneatori che non potranno partecipare sono pronti ad intraprendere vie legali-

litorale di Marinella
Spiagge libere, Comune vara le linee guide in attesa del bando

Sarzana - Val di Magra - La giunta comunale di Sarzana ha deliberato ieri le linee di indirizzo per l'installazione dei servizi minimi sulle spiagge libere di Marinella che dovranno essere seguite dagli operatori che si aggiudicheranno il bando per la gestione dei circa 350 metri di fronte mare che vanno dalla struttura “Associazione sport natura” fino al Bagno Roma. Un passaggio che l'amministrazione guidata da Cristina Ponzanelli vuole portare a termine nel minor tempo possibile, probabilmente già entro metà giugno, per risolvere l'annoso problema delle libere attrezzate che si trascina da tempo fra ordinanze, battaglie legali e sequestri.

Il progetto redatto dall'Architetto Moscatelli e approvato da sindaco e assessori riguarda “i servizi minimi necessari a garantire il servizio di salvataggio, la pulizia e la sorveglianza” e prevede che “la natura dei manufatti sia da intendersi atta a soddisfare esclusivamente obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimossi al cessare della necessità, entro un termine non superiore ai novanta giorni”. Le strutture saranno inoltre costituite “da servizi igienici accessibili ai disabili, spogliatoi e depositi per le attrezzature per il salvataggio e la pulizia dell'arenile, con eventuale piccolo chiosco bar, facilmente amovibili e dotati di autonomo collegamento alla fognatura esistente o altro smaltimento di acque reflue a norma, all'unico scopo di garantire l'equilibrio economico dell'iniziativa, in considerazione dell'incidenza del costo di salvataggio”. Dovrà inoltre essere garantito ”Il rispetto delle disposizioni normative vigenti relativamente alle disposizioni sulle aree Sic e modalità di esercizio delle attività in conformità alle norme igienico sanitarie e sul commercio”. Infine ”A chiusura della stagione balneare, e comunque entro e non oltre 90 giorni dall'installazione gli arenili dovranno essere liberati dalle strutture temporanee in attesa della presentazione dei progetti attuativi dello s.u.a comprensivi delle opere pubbliche propedeutiche alla corretta attuazione del Piano spiagge”.

I pareri sull'atto di indirizzo per i chioschi temporanei dovranno quindi essere acquisiti tramite un'idonea procedura di Conferenza dei servizi convocata con urgenza in vista dell'avvio del bando al quale potranno partecipare solo i soggetti in possesso delle licenze di utilizzo Demanio e somministrazione di alimentari e bevande. Esclusi invece coloro che per decenni hanno gestito Maestrale, Grecale e Capannina assicurando comunque un servizio, pronti a ricorrere alle vie legali per bloccare il bando e a chiedere che vengano riassegnate loro le spiagge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News