Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Settembre - ore 16.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ricordate le vittime di Beslan ma avete dimenticato Capolicchio"

Approvata la mozione per omaggiare i bambini morti nell'attentato in Ossezia ma il PD contesta: "La Russia è stata anche condannata". Spilamberti: "Slogan 'restiamo umani' baggianata da campagna elettorale".

scontro in consiglio comunale
"Ricordate le vittime di Beslan ma avete dimenticato Capolicchio"

Sarzana - Val di Magra - Prossimamente il Comune di Sarzana dedicherà una stele ai bambini che nel 2004 furono fra le 331 vittime della strage terroristica di Beslan nell'Ossezia del Nord affermando anche la propria vicinanza al popolo russo colpito da quella tragedia (QUI).
Così ha deciso il consiglio comunale nella seduta di ieri sera, nella quale sono stati trattati anche temi meno 'locali' come appunto la mozione presentata dagli esponenti di maggioranza Ponzanelli (Lista Toti), Spilamberti (Lega) e Rampi (FdI) e approvata anche con i voti di Sarzana Popolare, mentre sul fronte opposto Giorgi (M5S) si è astenuta e il Pd ha votato contro, sollevando dubbi su una vicenda sulla quale non è mai stata fatta piena luce.

“E' giusto ringraziare Claudio Benetti e Ugo Pardini che hanno ispirato questa mozione – ha aperto Ponzanelli – hanno richiamato la nostra attenzione su quella che è stata una delle più grandi tragedie del ventunesimo secolo anche per il numero di bambini coinvolti. Bambini – ha aggiunto – che hanno perso la vita in seguito ad un attentato vile e caratterizzato da una violenza inaudita. Abbiamo voluto così impegnare il sindaco in iniziative simboliche ma di tangibile solidarietà verso l'Ossezia e la Federazione Russa, offrendo anche alla nostra città la possibilità di far sentire la propria voce e la propria vicinanza a Beslan invitando le autorità diplomatiche ad una cerimonia da svolgere in questa sala. Mi aspetto adesione da parte di tutti i consiglieri”.

Come detto però da parte dei banchi del Pd non c'è stata piena condivisione su alcuni aspetti della mozione: “Sulla condanna ad atti terroristici nei quali hanno perso la vita anche dei bambini siamo tutti d'accordo – ha replicato il capogruppo Castagna - sia in questo che in tutti gli altri visto che dal 2005 ad oggi ci sono state almeno 800 vittime in Europa per attacchi simili. La valutazione politica però è un'altra cosa perché la Russia è stata condannata in via definitiva dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo e costretta anche a versare tre milioni di euro, gente russa – ha aggiunto riferendosi alla giornalista Anna Politkovskaja - ha perso la vita per fare luce sulla strage. Le responsabilità sono ancora tutte da chiarire. Sarzana inoltre non ha alcun collegamento con Beslan e non capisco perché debba anche porre una stele quando c'è stato da poco l'anniversario della strage di mafia di via dei Georgofili, nella quale morì un cittadino sarzanese (Dario Capolicchio) e da parte vostra non c'è stato nemmeno un minimo ricordo quando negli anni scorsi l'amministrazione faceva sempre qualcosa”.

“Per anni il Tribunale dei diritti dell'uomo rispetto a Beslan ha discusso sulle modalità di censura rispetto all'intervento delle forze speciali – ha ribattuto Rampi – cosa che non ha nulla a che fare con la condanna della Russia. Intervento fu di emergenza in una situazione di caos totale, per questo un tribunale dei diritti dell'uomo europeo in una fase di particolare polemica con la Russia l'ha condannata contestando la modalità di intervento, stabilendo un risarcimento danni agli avvocati. E' difficile sentire 'vicina' l'Ossezia ma ha subito una strage che per dimensioni e gravità ha pochi paragoni, non c'è nessuna volontà di ricucire rapporti diplomatici con la Russia in stile 'sovranista' ma di portare avanti un'iniziativa che vuole ricordare le vittime facendo sentire la nostra vicinanza a quel popolo. Non c'è Rampi che va allearsi con i vecchi sovietici – ha sottolineato – cose che facevate voi quando i vostri capi sarzanesi venivano addestrati in Unione Sovietica a decriptare i documenti per quando si fosse verificata la rivoluzione socialista ma, ahimè, si è verificata la rivoluzione 'leghista' e non vi serve più a niente decriptare il cirillico. Non stiamo organizzando nulla di tutto questo”.
Accusato poi da Ponzanelli di “qualunquismo sfrenato” per aver “strumentalizzato politicamente” la vicenda, Castagna ha invece ricordato come la causa sia stata portata avanti “dai cittadini russi che hanno chiesto risarcimento e ottenuto una vittoria definitiva”. L'esponente della Lega Spilamberti, altro firmatario della proposta, si è invece limitato a riprendere il Pd ricordando come “ha dimostrato che lo slogan ”restiamo umani” è una baggianata che usa solo in campagna elettorale”. “La strage è sicuramente da ricordare – ha osservato Giorgi ma visto che non dovrebbero esserci vittime di serie A o di serie B dovremmo ricordare tutti i bambini morti in attentati terroristici, come avvenuto di recente in Sri Lanka o Siria. Il Tribunale che ha emesso condanna non è secondario, ha riconosciuto responsabilità alla Russia. Perché allora non fare una manifestazione pubblica per Dario Capolicchio? Considero la mozione limitativa”.
Infine Pizzuto per Sarzana Popolare: “La mozione è condivisibile nelle premesse e nelle conclusioni anche se limitata a questa strage sconcertante. La Russia è stata condannata per la leggerezza di un intervento non troppo coordinato, ma parlarne a mente fredda è facile. Potrebbe essere comunque esteso ricordo, magari in futuro con mozione congiunta, per giovani morti nelle stragi di Madrid, Utoya, Londra, Parigi e molti altri. Si potrebbe fare un ricordo generale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News