Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Giugno - ore 15.59

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Comitato No Pillon: "In consiglio comunale il teatrino dell'ipocrisia"

respinta la mozione contro il ddl
Comitato No Pillon: "In consiglio comunale il teatrino dell'ipocrisia"

Sarzana - Val di Magra - "Sul ddl Pillon nel consiglio comunale di Sarzana è andato in scena il teatrino dell’ipocrisia". Così le esponenti del comitato "No Pillon La Spezia" che ieri sera hanno partecipato con una delegazione alla seduta di palazzo Roderio dove era in discussione anche una mozione presentata da Casini (Pd) su invito proprio del comitato per chiedere il "ritiro del provvedimento e impegnava il sindaco a esprimere la massima contrarietà dell’assise cittadina sul ddl ai presidenti di Camera e Senato".

"Ebbene - osservano oggi in una nota - da tutti i gruppi, sia di maggioranza che di opposizione, sono piovute critiche anche molto forti sui contenuti del disegno di legge voluto dal senatore leghista Simone Pillon, che modifica le norme in materia di separazione e affido dei figli. Nessun consigliere, compresi i leghisti, ha difeso il provvedimento, anzi tutti ne hanno messo in luce le molteplici “criticità”: dalla rigida definizione dei tempi dell’affido condiviso al mantenimento diretto, dalla mediazione obbligatoria e a pagamento fino alla cosiddetta alienazione parentale, che diventerebbe motivo per togliere il figlio a uno dei genitori (di solito la madre) per affidarlo all’altro che il minore rifiuta o addirittura per metterlo in una casa famiglia.
Al momento delle dichiarazioni di voto però la maggioranza, compreso il gruppo di Sarzana Popolare che aveva espresso pesantissime riserve sul ddl e che poi si è inspiegabilmente allineato alla Lega, ha annunciato il proprio voto contrario alla mozione con la risibile e inconsistente motivazione che su tale problematica il consiglio comunale non sarebbe titolato a esprimere il suo parere in quanto trattasi di materia di competenza Parlamento. Tesi smentita dallo stesso presidente del consiglio comunale Rampi, il quale ha addotto motivazioni politiche per giustificare il suo voto contrario. Apprezzabile invece - concludono - il voto favorevole della consigliera dei 5 Stelle, Giorgi, che si è aggiunto a quello del gruppo Pd".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News