Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Dicembre - ore 16.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Rifugiati in Piazza Calandrini, Pd: "Leghisti non si dolgano, responsabilità è di Salvini"

Rifugiati in Piazza Calandrini, Pd: "Leghisti non si dolgano, responsabilità è di Salvini"

Sarzana - Val di Magra - Perché i migranti sono alloggiati in Piazza Calandrini? La risposta è semplice. È la conseguenza dei decreti salviniani sulla sicurezza e delle direttive impartite ai Prefetti da parte del Ministero degli Interni: rette più basse e riduzione del numero dei centri di accoglienza, cosicché i Prefetti devono ripiegare sui gestori che accettano le condizioni imposte; tra i pochi in Provincia proprio uno è in Piazza Calandrini a Sarzana, ecco la scelta obbligata del rappresentante del Governo e del Ministero degli Interni Spezzino. Quindi, i Leghisti Sarzanesi non si dolgano, la responsabilità di quel che accade, in sostanza, è del loro Capitano.

Vogliono, inoltre, una Ordinanza ad hoc sul controllo degli ospitati, ma, non hanno appena approvato un Regolamento di Polizia Urbana che prevede ciò e molto altro! Occorre poi aggiungere che, di norma i servizi per l’immigrazione della Prefettura, ben consapevoli delle difficoltà ad inserire migranti nelle città, già effettuano verifiche puntuali sul trattamento, condizioni alloggiative e igieniche che le persone ricevono nel luogo di accoglienza e, ancora, sul loro comportamento.

I Leghisti ed il Presidente del Consiglio Comunale Sarzanesi si preoccupano a priori di tranquillità, decoro e sicurezza, in relazione all’accoglienza di sei, sei! Migranti. Tre questioni di cui si devono occupare, anzi preoccupare, sempre a prescindere, visto che guai in Città ve ne sono ogni giorno, prima e con o senza sei (!) migranti.

Qualcuno si è domandato chi sono quelle sei persone? Ebbene sono esseri umani provenienti dalla Costa d’Avorio, Nigeria, Senegal, non proprio luoghi ameni, dove le condizioni esistenziali nessuno di noi accetterebbe, che hanno attraversato le rotte, a noi note, con le conseguenti vessazioni subite. Ora sono qui, chiedono asilo da oltre tre anni, sono stati e sono, per tutto questo tempo, nel limbo di una decisone sul loro destino, che ad oggi, dal nostro Paese, non è ancora arrivata. Si sono adattati alle nostre regole fino a questo momento, non hanno commesso reati di alcun genere. Sfiderei qualcuno di noi a mettersi nei loro panni e valutare se sarebbe in grado di reggere tali eventi di vita. E accogliamoli allora! Nel migliore dei modi, secondo le nostre regole.

Si chiede alla Giunta Sarzanese di collaborare con i Servizi specifici della Prefettura, di provare a fare uno sforzo di umanità attraverso i suoi Servizi Sociali e provi ad inserire quelle sei persone in qualche progetto di occupazione (senza sottrarre alcunché agli Italiani, ovviamente); così non staranno a far nulla, sapremo dove sono, ci aiuteranno e ci saranno riconoscenti: valori umani – aiuto, comprensione, riconoscenza – sempre validi.

Infine, non si può fare a meno di notare che tra i Leghisti locali e gli esponenti di “Sarzana Popolare” e “Toti per Sarzana” vi sono dichiarazioni, sul tema, con “sfumature” assai differenti. Verrebbe da pensare che fatica a stare assieme a governare la città di Sarzana.

Dott. Rosolino Vico Ricci
Segretario PD, Sarzana

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia





Dove acquisterai prevalentemente i tuoi regali di Natale?

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News