Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 04 Dicembre - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Domani è già domenica

not politically correct

 Domani è già domenica

- Saranno sei casi distinti quelli che la federcalcio analizzerà: Spezia, Lucchese, Massese, Messina, Torres e Nuorese sono disconnesse tra di loro. Anche grazie all’iniziativa intrapresa dal Sindaco Federici e dal vice Graziano, coadiuvata dalla task force politica, la neo società, dopo qualche iniziale difficoltà, si è mossa bene ed in tempo, cosa che la federcalcio ha apprezzato molto. Detto per inciso, il gruppo politico che ha coadiuvato Federici è stato importante, anche se proprio da queste pagine fummo i primi ad esprimere parere negativo molto forte.
Messa così e vista l’opera, avevano ragione, onesto ammetterlo. Capita di rado, ma la politica bipartisan a volte funziona. Centrato l’obiettivo di vendere al miglior offerente economico, e consci che quella di Volpi fosse un’acquisizione molto veloce, senza un vero piano tecnico ancora elaborato però vista la fretta, lo Spezia ha saputo attendere il momento per rinascere. Nel quarto mondo calcistico, dove ci sono le caprette al Ferdeghini ed il Picco per molto non vede acqua ma solo musica, e dove si chiudono per ferie palazzetti e piste di atletica.
Si, ci sono difficoltà e la partenza sembra un po’ fallata, non davvero nitida. L’esperienza di Gusberti fuori dai giochi peserà negativamente, e quella di Pistidda, Conti. Scelte, il tempo dirà se giuste. Lecite da parte di una proprietà. L’iter federale? circa 10 giorni fa la prima comunicazione ai vertici federali, con la richiesta ufficiale di ammissione alla D. Poi una correzione opportuna, anche indotta da chi conosce questi tipi di trattative: la disponibilità a rispondere alle richieste economiche che la federazione avrebbe fatto. E che ha poi fatto. Un atteggiamento intelligente di chi ha consigliato la mossa. Che diventa ancora più apprezzabile se si va a capire quello che sta succedendo in casa delle altre cinque che cercano di percorrere la stessa strada. Le dichiarazioni di Tavecchio di questa mattina stroncano Nuorese e Torres ricorse al Consiglio di Stato, che, secondo lui, sarebbero sulla strada dell’Eccellenza. Ma Lucchese ed il Messina sono ancora più in un ginepraio. Basta leggere cosa ha pubblicato su Messinacalcio.net. Giuseppe Rodi, presidente dello Sporting Messina, ha infatti presentato una denuncia-querela nei confronti dell'avvocato del F.C. Messina Mattia Grassani, colpevole secondo lui, di aver assunto a Lucca una posizione del tutto opposta a quella di Messina. “Grassani infatti – scrive l’agenzia siciliana- oltre ad essere l'avvocato del F.C. Messina, ha assunto le difese anche della Sporting Lucchese, nuova società nata per sostituire la Libertas Lucchese, società non iscritta in C1 e che come il F.C. Messina ha chiesto l'ammissione in sovrannumero alla serie D nonostante presenti una situazione debitoria e stipendi non pagati ai giocatori. Una posizione del tutto singolare per il professionista che a Lucca difende una società nuova con l'obiettivo di non far iscrivere la vecchia società indebitata, a Messina invece difende la società indebitata con l'obiettivo di non far iscrivere la neo società di Rodi”. Secondo quest'ultimo “Grassani oltre ad avere un contrapposto interesse professionale, potrebbe andar contro ogni logica professionale e, addirittura, potrebbe andare contro le norme della c.d. deontologia professionale (che è una legge vera e propria). In tale comportamento non può escludersi la presenza del reato di falso ideologico e infedele patrocinio considerando che, una delle due posizioni non sarebbe regolare”. Immaginate voi la Figc che si trova a dover valutare queste situazioni. La Massese alla quale è stata ritirata l’affiliazione, per altro, ha pochi arretrati di stipendi e fideiussioni ancora in banca, e due società pronte a ripartire. Senza parlare della decisione dei tifosi del Messina di chiedere a Abete di escluderli dal Calcio se saranno i Franza a ripartire dalla D.
La limpidezza del percorso dello Spezia ha aiutato a decifrare meglio la nuova storia. Tra giovedì e venerdì al massimo l’atto probabilmente decisivo che riporta lo Spezia nel calcio giocato anche se non più tra i professionisti, ad una serie dove abbiamo anche vinto uno scudetto dilettanti e dove manchiamo dal 22 maggio del 1966 , quando stavano per iniziare i mondiali di Inghilterra, quelli di Moore e Sir Alf Ramsey. Si, si torna a parlare di calcio. Domani è già domenica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News