Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Enrico Angelini, la Juventus l'avrei salvata così....

calciopoli e vecchi merletti

Enrico Angelini, la Juventus l'avrei salvata così....

- Passerà alla storia come il direttore generale dell'era Mastropasqua, o meglio quello che un giorno silurò Carpanesi, Dio in terra di una città che lui aveva riportato in C1. Passerà per un ottimo avvocato, che ha tentato, quando di soldi c'è n'erano pochi , di approdare alla B, sperando ahinoi nell'estro di Perinelli e Faccini. Passerà anche per quello che completò operazioni come la cessione di Sassarini al Bari e Mazzantini al Venezia, le più prolifiche di sempre. Resta però un ottimo avvocato, Enrico Angelini, che con Giorgio Morini, allora ds della Juventus, dissertava anche di cravatte. A lui, tempo fa, chiedemmo con curiosità:ma tu la Juventus l'avresti salvata in un'aula di tribunale? ci ha risposto con questo pezzo che regala ai lettori di CDS.

Se la Juventus l’avessi difesa io..
Dicono che un chirurgo bravo può operare un figlio o un amico caro senza che la mano tremi; e allora chissà se io avrei potuto difendere la Juve …
Per me la Juve è Castano, Bercelllino, Salvadore, i calzini bassi di Sivori, Anzolin e Leoncini; è una serie di foto sgualcite dove da piccolo con una maglia più lunga di me a strisce grigie e bianche cerco di colpire un pallone pesante con scarpe sbucciate.
E chissà che effetto mi farebbe difendere la Juve; in un campo di calcio è sempre stato un sogno; in un’aula di giustizia potrebbe essere realtà.
Però allo stadio me lo dicono … se l’avessi difesa tu a quest’ora sarebbe ancora in serie A…
Amici, certo, che forse ricordano che mi è capitato di difendere cause indifendibili, almeno all’apparenza, e di ottenere una assoluzione o per lo meno un buon risultato per il mio assistito. E proprio in materia sportiva.
Amici, di sicuro, che forse vogliono solo farmi un complimento, per simpatia più che per convinzione..
Però, però… La Juventus è uscita male, molto male da questa vicenda di calcio e di affari, di spiati e di spioni, di false vergini e di cialtroni veri. Non è stata l’unica, ma ha subito la condanna di gran lunga più pesante, prima ancora che della Corte: quella della gente, informata e spesso suggestionata da media non sempre benevoli.
Ma era davvero così colpevole..? Ma davvero era così più colpevole di tutte le altre..? E solo i suoi dirigenti parlavano per ore ed ore con tutti..? E i tutti non parlavano forse anche loro tra loro..? Perché hanno ascoltato per mesi quasi solo la Juve e non le altre squadre che contano..? Possibile che …
E via così… da tifoso ma anche da semplice osservatore viene in mente che un qualche accanimento, non solo mediatico, ci sia stato, che abbiano ascoltato, giudici ed inquirenti, questo e non quello, non si sa se per caso o per altro.
Resta il fatto è che la Juve è in serie B e le altre no.
Che qualcuno, duro e puro, si è appropriato di uno scudetto, forse indebitamente, e comunque non certo signorilmente alla faccia della faccia del patron, e chissà più che altro se davvero duro e puro.
E la Juve..? Come si fa a farsi condannare così gravemente senza un illecito veramente accertato oltre ogni ragionevole dubbio…
La Juve ha sempre avuto fior di avvocati, anche iscritti all’albo.
I nomi sono miti, per noi avvocati una volta giovani, cresciuti all’ombra dei più anziani e prestigiosi. Uno per tutti Chiusano, importante per la Juve come l’altro avvocato; e poi i suoi allievi, tra cui Luigi Chiappero che ho conosciuto e visto all’opera nel primo caso calciopoli, quello di Bettarini e C., per intenderci. Io difendevo un imputato minore, per così dire, e certo minore era l’illecito contestato al mio assistito, poi per fortuna assolto.
Luigi Chiappero difendeva un terzo interessato, l’Empoli, e ha tenuto per un’ora o quasi tutti sospesi a seguire la sua tesi, ammaliati dalle parole che evocavano una realtà credibile, forse vera, certamente probabile. Non ha avuto ascolto dai giudici, che hanno assolto gli incolpati e smentito Chiappero.
Non so francamente come, ma così è.
D’altronde la giustizia sportiva non è poi così giusta, dato che deve essere per forza celere e celere significa quasi sempre sommaria e casuale. Ho visto illeciti conclamati diventare omissione di denuncia, portieri stracondannati venire di fatto graziati dopo un obolo di beneficenza; squadre retrocesse per illeciti che poi la giustizia ordinaria ha negato. Ma che giustizia è..?
Poi Chiappero ha affrontato un processo per doping di rara difficoltà e ha fatto assolvere l’imputata vera e cioè la Juventus.
Per cui quando ho letto Juventus a processo mi sono detto, vabbè c’è Chiappero,
Ma questa volta Luigi non ha difeso direttamente la Juve, affidata ad un altro nome storico della difesa, specie di quella penale, Zaccone.
Non so perché. Non conosco più come una volta, complici Mazzola jr., Cavalleri e Governato, i retroscena e i perché della Juve.
A Zaccone tanto di cappello. Non conosco esattamente i documenti di causa, se non quelli che tutti hanno letto sui giornali. Ma a un tale nome non si può non dare fiducia incondizionata.
Però, se l’avessi difesa io..
Beh, forse peggio non poteva andare, e quindi l’avrei forse potuta difendere anche io.
Serie C..? Anche Zaccone l’ha evocata, in difesa della propria linea difensiva, da più parti criticata.
Non so ma non credo ve ne fossero gli estremi. Credo che non avrei “patteggiato” alcuna serie B con penalizzazione, come è sembrato fare la difesa della Juve. Non avrei chiesto clemenza, per poi lamentarmi come hanno fatto i dirigenti della severità della pena; non avrei minacciato il ricorso al TAR senza poi insistere davvero; non avrei ritirato il ricorso sulla base di promesse, impossibili, e poi ovviamente non realizzabili.
Avrei usato il metodo che ho sempre usato nelle difese, anche in quelle vincenti che i miei amici mi ricordano con affetto. Comprendere il nocciolo del problema, gli spazi nelle tesi della accusa per essere assolti se ce ne sono; sennò quelli che ti consentono di chiedere ai giudici una pena lieve se possibile, paragonata a quanto accertato ogni oltre ragionevole dubbio e sopra tutto a quelle inferte agli altri.
Sarebbe bastato?. Chi lo sa. Quando incontrerò di nuovo Chiappero ne saprò di più.
Per ora mi auguro che alla Juve non abbiano più bisogno di un avvocato per situazioni come queste; altrimenti, dove lo trovano uno con la mano più ferma della mia..?


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News