Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 04 Dicembre - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Picco o Via Prione?

Altro che Juventus

Il Picco o Via Prione?

- Facciamo solo un passo indietro e dimentichiamo per un attimo il siluro del biondo di Cheb che ci ha fatto pareggiare contro la Juventus .Alcuni giorni fa, Massimo Federici, in un intervista esclusiva a CDS, in procinto di diventare sindaco della Spezia ( diciamo che prima deve superare le… primarie, ma a meno di una Corea…) ci ha svelato il suo progetto per lo stadio Alberto Picco. Se diventerà Sindaco (“ mi accontento di vincere 2-0 o 3-1, ha detto con buona scaramanzia e sicurezza) sarà operativa un’idea, con la consapevolezza che sia difficile costruirne uno nuovo, di stadio, partendo soprattutto dalla nuova tribuna:”E’ un aspetto prioritario, si farà anche con tempo e modi forse inattesi. Ci stiamo lavorando attentamente. Anche se i soldi non entreranno nel bilancio che stiamo preparando, anche senza attingere da privati, dalla cassa depositi e prestito o dal Credito Sportivo. Per ora posso dire poco, ma una via sembra esserci. E potrebbe permettere di rispettare i tempi tecnici utili a danneggiare il meno possibile la squadra e la società. Di certo c’è che potrebbero essere interessati oneri comunali. Non ci sarà nessun alienazione per guadagnare denaro, ma saranno soldi dell’Amministrazione. E’ un aspetto molto particolare che è al vaglio ma sul quale servono verifiche prima di renderlo pubblico”. Federici si è fermato qui, blindandosi, ma facendo scattare la curiosità tutta giornalistica. CDS ha scoperto che….. che siamo sulle nuvole, cioè che quello prospettato è un piano stravagante e che l’errore pacchiano sembra quello di non comprendere a bilancio i soldi per la ristrutturazione della Tribuna, quindi di fatto difficilmente realizzabile. Ma la ristrutturazione dello stadio avrebbe un punto di partenza, l’area IP. C’entra sempre quella, un po’ come il gol preso dalla Spezia in Zona Cesarini. La bonifica in mano ad una società, il suo inizio lavori ed alfine un’operazione già vista. A Parma, per farvi un esempio, sono arrivati quelli dell’Ikea, hanno costruito un immenso capannone ed in scorporo degli oneri di urbanizzazione che si dovevano pagare, il Comune si è rifatto bello. Hanno cioè rifatto il palazzo del Governatore. Un cambio merci. Si può fare, lo prevede la legge, basta che siamo opere di interesse pubblico. Tutto ciò ve lo spieghiamo in maniera artigianale ma chiara. Con meno politichese possibile, però, tradotto vuol dire che invece di pagare tasse, la società che bonifica offre lavori. Da qui la scelta di Federici, o meglio, per ora il pensiero, di dire:”bene, fateci la tribuna del Picco e siamo pari”. Ma i nodi dove sono? La bonifica dell’area è operazione non prospettabile in tempi brevissimi; secondo, allor quando si arrivi ad una definizione si deve affidare a terzi i lavori e quindi chi può discutere sui tempi? Terzo: una parte degli amministratori vedrebbe bene il riassetto della parte finale di via Prione. Facendo rapidi calcolo si ha come l’impressione che invece di un’uscita, si sia trovata un’entrata…..in un ginepraio. Concordiamo sul fatto che il Picco vada ristrutturato, l’affetto è questo. Basta vedere cosa avviene al Picchi di Livorno dove prima di andare in A hanno fatto di tutto per riammodernarlo, poi, adesso, finita la moda, viaggiano sul limite dei 10 mila spettatori di media. E quello che c’è basta e avanza. O il Delle Alpi, al quale ora viene preferito un Comunale da 25 mila al massimo. Il match con la Juventus ( ragazzi, siamo a martedì ed ancora devono comunicare l’incasso) si è andati ben oltre i 9900 di capienza. Dovessi dare un numero direi che eravamo almeno in 13 mila. Ma il Picco era sempre quello, con servizi veramente impresentabili e con i soliti gradoni sbecciati. Il protocollo? La Lega ha preferito anche le tivvù non esclusiviste ai giornalisti. Che cosa devi dire! Credo sia meglio dire le cose come stanno prima di fare battage politici o usare strumentalmente mezzi di informazione anche on line, colorandoli (avviene già, mamma mia). Credo sia meglio dire che per la tribuna del Picco, i soldi, difficilmente si troveranno. Rifacendo l’altra curva, io la chiuderei lì. Pensiero personale. Ed allora vorrei chiedere a quei politici che usano il calcio come veicolo, che vanno e che vengono sui quotidiani come i loro pensieri, chi glielo fa fare ad un Ruggieri di programmare una stagione 2007-08 sapendo che tutto rimarrà uguale. Rispondano loro, noi siamo qui. Su due piedi, not politically correct.

ARMANDO NAPOLETANO

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News