Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 04 Dicembre - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La tribù dei musi lunghi

La tribù dei musi lunghi

- Con la forza del realismo, non sappiamo come, GIOCANDO COSì, questa squadra possa rimontare in 8 giornate 4 punti alla Biellese, e, se non ce la fa, preparare una rincorsa ai ripescaggi nei play off. Ieri al Secolo XIX ed a Cds, il presidente della lega Carlo tavecchio ha confermato che “i play ci saranno sicuramente, questione di giorni il poterli determinare nelle date”. Si prepara quindi ancora un altro campionato nel campionato, e senza dubbio non se ne può ricavare fin da ora una speranza certa. Dovessimo fare un ragionamento, e fossimo nella Sarzanese o nel Savona, ci faremmo un pensierino ai ripescaggi. Giocabili. C’è si la sicurezza che saranno più di 4-6 le squadre in Divisione non iscrivibili, a stare alle notizie che circolano. Ma c’è anche la consapevolezza che questa squadra in fondo non sia mai nata, per ben due volte, protetta dal buonismo e dal ragionamento ponderato di un ambiente che invece, specie Jacopetti, si ostina a definire esigente. Se essere esigenti significava vincere un campionato di D con le potenzialità economiche che questo club esprime, beh allora questi si, è un popolo di molto esigenti soggetti. Chissà come si dovrebbero chiamare i tifosi interisti quando reclamano da 44 anni una Coppa dei Campioni o quelli del Milan che mancano lo scudetto da qualche anno. O quelli dell’Empoli, il cui presidente ha un monte ingaggi enorme ed è neanche in linea con la promozione. Però, a 8 giornate dalla fine della stagione regolare, e bisogna iniziare a pensare così, è lecito poter fare alcune considerazioni. Intanto che questo campionato e l’atteggiamento generale della società, hanno creato una sorta di tribù dei musi lunghi, e scuri. Lo sono i dirigenti, lo sono gli addetti, lo sono quelli della scuola calcio, costretti a prendere atto (da altri in primis) che devono continuare ad oggi un’attività che non li riguarderà da luglio. Lo sono i tifosi, quelli più esigenti e quelli meno esigenti. Lo è parte della stampa, quella almeno che vuole essere credibile, lo sono tutti quei tifosi che oggi qual volta tentano di ritornare sulle scalee del Picco non trovano l’innamorato, e non vedono il miracolo. E forse pensano che non verrà mai e non si materializzerà mai. Una volta questa era la tribù del calcio, considerando il calcio come una delle più strane costanti del comportamento umano della società moderna in città. Aveva un suo territorio tribale, gli anziani della tribù, stregoni, eroi. Se provavi ad entrare nel proprio dominio ti sentivi come un esploratore del passato intento ad esaminare una vera cultura. Oggi la stessa tribù è diventata quella dei musi lunghi, di gente scontenta, di dirigenti che non sanno se rimarranno e che lo dicono apertamente, con tanto di interviste in Lombardia. Di un mister che è legato a doppio filo ad un successo, altrimenti va a casa. Di dirigenti che si sono tirati dietro molte critiche per scelte a dir poco discutibili (la giovanile in primis). Deve avere il muso lungo anche Volpi, il quale non si spiega come spendere 1,5 milioni di euro in D e non vincere un campionato. Lo sono i giocatori, che adesso hanno anche contro i tifosi. Ed il prossimo anno, se non ce la fai ma l’impressione è anche se ce la fai, nuovo mister, nuovi giocatori a blocchi, nuovi tutto. Ecco, alla fine quando ti chiedi cosa possa aver generato questo campionato di travaglio conseguente ad un fallimento fatto anche in velocità e pieno di insidie, hai un risposta certa: i musi lunghi e bui di tutti. Resta poco altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News