Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ma quando comincia davvero questo campionato?

Spezia, per favore, batti la Torres.

Ma quando comincia davvero questo campionato?

- MA QUANDO COMINCIA VERAMENTE QUESTO CAMPIONATO?
Nulla da fare, aveva ragione Gianni Brera. Gli Italiani e quindi gli spezzini, vanno meglio quando sono in difficoltà e discussione. Non c’è niente da fare. Rendono di più, ci pensano su più volte, meditano molto meglio. E vincono. Un giorno Brera lo disse a Rocco e si prese del Mona, ma la rilassatezza del Paron venne poi pagata con un esonero ( il presidente allora era Albino Buticchi scomparso in settimana). Buticchi, personaggio indimenticabile che circa un anno fa ci rilasciò un intervista che non sarà mai possibile riproporre, perché è meglio così per tutti, per quelli che compravano e vendevano, per un calcio strano ma chiaro quanto la luce del sole. Ma questa è un’altra storia. Tornado al Paron, era il 1973-74, quell’anno esordì in panchina contro una squadra allora impronunciabile che però da lì a poco sarebbe diventata famosa ( Borussia Moenchenglanbach) un signore che si chiama Giovanni Trapattoni, uno che fischia ancora.
Scusate la digressione, ma è la prima cosa che ci viene in mente dopo la gara di ieri, nel qaule l’unica cosa opinabile è la prestazione di Fabinao. Per noi un personaggio alla Palazzeschi, lo leggi ma non lo capisci. A molti è piaciuto però. Boh.
L’enigma però è questo. Ma come, lo Spezia gioca due gare iniziali quasi in sordina , Lumezzane e Cesena, Zanoli ed il pubblico si incazzano e contro la Lucchese vedi una squadra con i fiocchi.
Poi Zanoli comincia a dire che siamo forti, Veronese sa anche dalla stampa che la squadra è Veronese dipendente, qualcuno dice a Napolitano che andrà nell’under 21 se prosegue di questo passo, e via dicendo, e zac, quattro frittate una meglio dell’altra.
Zanoli ed il pubblico si rincazzano e la squadra reagisce. La vittoria è limpida ma è altrettanto limpida la situazione: bisogna avere pazienza perché pare che nessuno abbia ancora capito bene quando inizia questo benedetto campionato. Rilanciato anche da signor Campi e da una vicenda triste, comunque la giri, sperando che sia finita lì, anche se l’impresione ( e le notizie che arrivano) sembrano non esser su questa linea.
L’idea è chiara come lo schema ideale: linea a 4 dietro e Bordin e Geraldi dove sono sempre stati in carriera ( per Bordin parte finale della stessa, nato mediano), coppia centrale. Non passa uno spillo. Vivaddio ci siamo arrivati, e se Stringara si morde mani e piedi perché vorrebbe esser più offensivo, gli consigliamo di riguardarsi il Mandorlini ante Carrarese-Spezia pasquale, stagione 2000-2001, a due passi dal naufragio. 3-4-3? no 3-5-2 e chi se ne frega. Mandolini, oggi in testa alla B con la sua Atalanta, non lo ammise davanti ai taccuini, ma la bar si: si era corretto, con Orocini dietro due punte ed una maggiore copertura. Ed anche allora nell’idea originale c’era anche Beltrame, il vero elastico.Così, dopo quattro tormentate gare dove aveva sempre subito reti, con questo assetto, lo Spezia non incassa gol. Ma il campionato, nella stessa domenica forse, gli fa un favore decisivo. Pesa enormemente la vicenda Campi-Bernardi che penalizza il Pisa di un punto, ma ora gli aquilotti sono ad un punto dai play off ed a uno dai play out. I pareggi si alzano ed ora sono il 40 per cento esatto dei risultati complessivi. Reggono le squadre con la difesa più solida, come il Padova, che in trasferta ne ha incassato uno solo, in totale quattro. Stasera si gioca anche Arezzo-Reggiana e se Cadregari frena i toscani, lo stallo sembra completo. Per questo la gara con la Torres diventa ancora più determinante, ed i tre punti peserebbero nell’economia generale come una miniera d’oro. Ci sarebbero infatti nel breve giro la trasferta di Prato, ieri sconfitto dalla Pistoiese in casa; la gara interna con la stessa Pistoiese, già battuta in coppa Italia ed infine il 16 novembre, la trasferta all’Euganeo di Padova. Quella partita diventerebbe il vero spartiacque di tutta la situazione. Basta vincere domenica, solo vincere.
ARMANDO NAPOLETANO

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News