Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Qualcuno svegli questa squadra

il dovere morale

 Qualcuno svegli questa squadra

- Alcuni anni fa acquistai una copia di Marca, giornale sportivo spagnolo, perchè la copertina meritava davvero. Il Bayern, palesemente ridotto ai minimi termini, aveva inscenato una di quelle difese ad oltranza per fare 0-0 al Bernabeu contro il Real, e la popolare testata iberica aveva messo in copertina un pulmann piazzato davanti alla riga della porta di Kahn con lui davanti e tutta la squadra schierata. Un fotomontaggio suggestivo che venne però perfettamente spiegato dai tedeschi:”Altro non potevamo fare”. In settimana questa particolare mi è spesso balzato alla mente guardando con i miei occhi come lo Spezia stava preparando Chievo. Sarebbe servito un altro pulmann, altro che difesa studiata a tavolino. Le notizie che giungono dalla squadra sono preoccupanti: mancanza di concentrazione, assenza di un leader, portieri sulla graticola, inadeguatezza di alcuni gioca tori. E’ la stessa squadra che con cuore oltre l’ostacolo ha battuto il Ravenna ed il Cesena e che stava per mettere a segno il successo più importante, quello con l’Avellino. Se ha fatto tutto questo sotto gli occhi della curva e della sua gente vuol dire che ha una logica emozionale che la spinge e che lontana dal Picco non produce effetti. Un segnale non confortante. Serviva la gara del Bentegodi per capire? No, ma è quella che definisce un capitolo. E li arriva quanto di peggio bisognava aspettarsi perché nel calcio la partita tra squadra di diversa categoria si gioca solo in amichevole; e quella tale era visto l’atteggiamento degli aquilotti. Quella di Verona non è solo una sconfitta, è una differenza reti a favore con l’Avellino scelleratamente buttata, è l’idea che a Messina si possa chiudere un cerchio, è una trasferta che vale quanto quella di Torino lo scorso anno, come il Chievo vale la sconfitta con il Treviso. Nel primo caso, pur vilipesi ed umiliati da un presidente che sbandierava un mega premio salvezza che poi non avrebbe mai pagato, i giocatori, che avevano le palle, ne uscirono anche per merito loro, con un atto di coraggio e carattere. Ora che faranno questi a Messina?C’è da recuperare in una sola settimana forza e coraggio, far capire a Santoni che torna tra i pali lui, convincere Guidetti oramai sfiduciato e stanco mentalmente che c’è da tirare fuori tutto, metter apprensione ad un gruppo che forse gruppo non lo è mai stato. Recuperare giocatori importanti dal punto di vista tattico e morale come Padoin, ad ogni costo. Pescare magari nella Primavera per ricostruire una difesa, usando la stessa tecnica che si è usata per i portieri. Facendo fuori qualche giocatore. Ad un passo da una gara che decide tutto, ma veramente tutto, ci vuole coraggio anche da parte del mister. C’è un debito morale verso una città che ha pagato 1,3 milioni di euro per loro, che è diventata esempio nazionale che sta spingendo in questi giorni anche il Sorrento a fare altrettanto, che merita il rispetto dovuto. Ogni azionista dovrebbe farsi sentire, per dire ciò che pensa. Altrimenti il finale è noto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News