Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Spezia, gol ad ogni latitudine.

Veronese, Pisano, Torino, De Cesare, perfino D'Aloisio in gol. E Piovani ci battezza

Spezia, gol ad ogni latitudine.

- La festa del gol targato Spezia e 'l'intelligentia' di Piovani.
Ha vinto Stringara, viva Stringara. Con tante grazie a Viscidi, uno che almeno è venuto alla Spezia a giocarsela, e a non fare il D’Astoli, barricadiero. Stupeggiante e rischiosa la gara dei nostri che ritrovano la via del gol, tra le mura del vecchio stadio. Dopo 418’ a cavallo tra due campionati, lo Spezia torna a segnare in casa, dove non realizzava dal match con il Varese, 3-2 dello scorso anno.. E lo fa con Marco Veronese che un gol in campionato non lo segnava dal 6 gennaio del 2002, quando realizzò all’Arechi di Salerno il pari tra i locali ed il suo Modena allora allenato da De Biasi, poi promosso.
C’è poi anche il primo gol assoluto da professionista di Mattia Altobelli che più in là del campionato primavera con l’Inter e della coppa Italia di C non era andato. Ma che sia una domenica baciata dal gol aquilotto lo dicono anche altri; in Pro Sesto –Legnano ( giocata però sabato) Vittorio Torino, che è un giocatore dello Spezia in prestito ai lilla, segna la rete del vantaggio. Ed anche lui riprende la via, dopo che non segnava un gol dal 23 dicembre del 2001, Spezia-Albinoleffe. Nella stessa gara segna anche l’altro ex Alessandro Andreini, che ieri era al Picco a fare lo spettatore.
Poi in Ragusa-Vittoria, derby di C2, girone sud, mette dentro il suo primo sigillo anche Giovanni Pisano al 5’, fresco ex. E per fare fino in fondo gli statistici segnaliamo anche la doppietta di Ciro De Cesare, altro ex, che decide Palmese-Isernia. D’Aloisio, con due rigore, stende da ex aquilotto la Carrarese che perde a Fano, Budella Lecce guida il centrocampo dei suoi contro l’Ancona. Insomma, una mezza festa. Alla fine di un match esaltante come quello di ieri, torniamo anche a respirare aria di play off; non eravamo nella grigia buona dal 5 maggio 2002, quando terminammo secondi una stagione che poi perdemmo ai play off. Tutte notizie positive in un campionato ancora modesto; pochi gol (42), media bassissima rispetto alle più recenti stagioni, 12 pari su 26 gare ( ne manca una che si gioca stasera), tanti 0-0. Ci sono poi squadre che passavano da favorite che mostrano crepe, come la Reggiana che in due trasferte incassa 4 gol, o come lo stesso Novara. Stupisce l’Arezzo, capolista.ma ai margini del match di ieri succede anche qualcos’altro. Quello di Spezia è solo un pubblico poco intelligente ( ripetuto ben due volte: ndr). Invece di guardare avanti continua a pensare al passato, incredibile”. Queste parole sono state detto in tono perentorio da Gianpietro Piovani, esterno della Lucchese, nella sala stampa del Picco domenica.
Le domande dei cronisti toscani erano riferite agli striscioni esposti contro Francesco Bellucci, centrale difensivo dei toscani. Al centro della polemica c’è ancora quella gara, Treviso-Livorno 1-2, giocata il 28 aprile del 2002, sulla quale vennero puntati i fari della stampa nazionale prima di un clamoroso dietrofront. Sia Piovani, nel Livorno, che Bellucci, nel Treviso, erano in campo allora.
L’ufficio indagini non ha mai aperto la seppur minima traccia di verifica, nonostante alcuni giornali nazionali avessero fatto nomi e cognomi di alcuni giocatori, senza l’ombra di una prova, per altro. La gara però rimane nella mente dei tifosi spezzini, e comunque condizionò la storia dello Spezia che per quel gol di Protti alla fine, vide svanire al B.
Già lo scorso anno Spezia-Treviso, poi finita 2-0, fu una gara avvelenata da polemiche. Il nostro giornale ( e non solo) riportò frasi del presidente del Treviso Setten, inequivocabili riguardo quella gara, ma neppure allora l’ufficio indagini mosse paglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News