Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Zanoli, la Gea, Berti. Si studia il ribaltone.

(sottotitolo, era ora...)

Zanoli, la Gea, Berti. Si studia il ribaltone.

- Zanoli, Berti e la Gea. Ora si cambia (è necessario, sbrighiamoci)

Stringara lo sapeva, e forse quella mossa di far giocare Alessi in appoggio a Veronese, voleva già dire qualcosa. Così quando lo Spezia esce dall’Arena Garibaldi perdendo dopo aver giocato in superiorità numerica per oltre un’ora, ti rendi conto che è l’ora di cambiare tutto. E Zanoli ci aveva pensato quando era lunedì, scorso, quando era andato a Milano ad incontrarsi con il suo vecchio amico Amilcare Berti in un hotel meneghino. Berti e Zanoli sono amici davvero, di ventura, non si sono attaccati neanche quando la sfida Triestina-Spezia dei play off poteva dare la sporta.
Però quando si è trattato di rifare una squadra, di rivoltare tutto, Zanoli è andato a casa del suo ex socio a Trieste, lo stesso socio che lo avrebbe voluto con lui alla Triestina anche solo due anni fa.
I due si sono parlati a lungo, trovando una bozza di accordo, sulla linea che spingerà molte squadre senza un quattrino ad operare sul mercato con scambi di figurine.
I dubbi lasciano spazio alla realtà, ed al sano realismo espresso più volte da Angelo Zanoli, che di questa squadra e di questo tecnico non ne può più da qualche settimana.
La secca sconfitta di Pisa dice tutto, come forse quella consapevolezza di avere dei limiti che avevano dettato a Stringara di rinunciare forse a giocare un tempo buono. 5 sconfitte di cui 4 fuori la dicono lunga, in trasferta abbiamo raccolto solo 3 punti, roba da C2 ed una media che non aiuterebbe neanche se lo Spezia fosse costretto poi a giocarsi tutto in qualche spareggio con gare di andata e ritorno.
Che a questa squadra manchi carattere ed una logica è oramai chiaro, e Zanoli, nonostante le inutili smentite, lo ha capito da tempo. E così mentre in casa Samp sembra chiaro che la dirigenza è disponibile a cedere in prestito Job allo Spezia ma che Novellino non ci sente, Zanoli è andato a trattare con la Triestina. Lunedì i due hanno messo le basi, poi mercoledì e giovedì ne hanno parlato anche con Seeber, diesse giuliano. Alle viste un maxi scambio; Berti offre Boscolo (8 gare quest’anno), Ciullo ( 1) e Beretta (3) allo Spezia. Si parla di una forte partecipazione sullo stipendio, ma Zanoli prepara l’ennesimo sacrificio o azzardo, forse perché almeno lui ci crede ancora. Ma non con questa squadra (e con quale tecnico?), visto che nelle chiacchierate di questi giorni tornano in ballo anche Marianini e dall’altra parte Alessi e Mendil. Seeber ha anche provato a sondare per Coti, ma siamo sull’impossibile. Molti di questi giocatori sono roba della Gea, che con la Juventus ha canali storici preferenziali e che spesso una mano a Berti ha data, con saggezza e dando un valore aggiunto.
In settimana qualcosa si decide, ma è chiaro che solo cambiando pagina si può sperare in qualcosa. In superiorità numerica a Pisa non avevamo mai perso nella storia. Forse è troppo, anche per questi tifosi che avevano sperato di poter tornare da Pisa in condizioni diverse, ma così non si può proseguire.
ARMANDO NAPOLETANO

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News