Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Agosto - ore 16.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Gli spezzini dal braccino corto

di Alberto Scaramuccia

Gli spezzini dal braccino corto

Liguria - Da poco più di tre mesi l'Italia è in guerra e qua sembra che non si sia mai voluto altro tante sono le iniziative messe in atto praticamente dovunque per sostenere il Paese. È agosto, la gente va al mare, ma frequenta anche le feste di beneficenza organizzate per le più varie finalità: dall'aiuto alle famiglie dei richiamati, alla raccolta di lana e pellicce perché, ricordano i giornali, “sulle Alpi fa freddo”. Se questo fa riflettere ancora su come lo Stato mandava a combattere, consente anche di vedere la partecipazione degli Spezzini al conflitto. Sulla stampa, infatti, non si sente più una voce che inviti alla neutralità e chi lo era fino a poco prima, ora sembra un interventista della prim'ora. L'eccezione sono gli anarchici, ma è difficile conoscere le loro argomentazioni perché Madama Anastasia la Censura è impietosa verso i loro articoli.
Ma le feste sono innumeri e dovunque, dal Beverini di Rebocco a Migliarina a Monte; si organizzano passeggiate di beneficenza; i proventi degli spettacoli di Politeama e Trianon spesso vanno all'assistenza. Per questo, la gente della Spezia appare altruista e munifica, ma la somma impegnata per il prestito nazionale, è inferiore alle attese. Ciò provoca aspre rampogne di Oreste Poggiolini contro il braccino corto dei concittadini.
Intanto, partono dalla Spezia i volontari artiglieri: nomi illustri (De Ambris, Bottai, Crozza) e sconosciuti, i giornali li registrano tutti. Dovere di cronaca, ma anche volontà di mostrare un'adesione corale. Per questo, più colonne sono riservate alle lettere che gli Spezzini al fronte mandano a casa. Ovviamente, non una che contenga lamentele, ma troviamo anche la descrizione di una battaglia avvenuta a Plava, una dei tanti scontri che si combatterono per l'Isonzo.
Insomma, la città è immersa nel clima della guerra, ma non tutti accettano le regole dell'oscuramento che sono molto severe e fanno piovere multe salate sul borsellino di chi non le rispetta, tanto che ci si chiede quale necessità ci sia di adottare misure così drastiche in un territorio che è non davvero prossimo al teatro delle operazioni.
Oltre alla guerra, siamo anche in estate. La politica va in ferie e l'unico problema cittadino con cui si cimenta, è la polemica sulle linee tranviarie. Servirebbe un servizio maggiormente capace di soddisfare le esigenze dei cittadini, ma non ci sono i soldi e in questi momenti non si può pensare di averne di più, per cui la soluzione è rimandata a tempi migliori, come la realizzazione della strada ferrata per Reggio Emilia, tratta indispensabile per lo sviluppo portuale.
Anche in seno alla Giunta c'è maretta. L'assessore Ratti non è nominato assessore anziano e se ne va dal Governo cittadino accampando motivi personali. Una volta, la stampa d'opposizione sai quanto c'avrebbe ricamato sopra, ma ora prevale la concordia e ci si limita a registrare il fatto.
Intanto, la vita rincara e ci si chiede perché il gas non diminuisca come il costo del carbone che lo produce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News