Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 06 Dicembre - ore 19.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La propaganda in guerra: tutti a sostegno dei soldati

di Alberto Scaramuccia

La propaganda in guerra: tutti a sostegno dei soldati

- La guerra che insanguinava ogni dove cento anni fa di questi tempi, è guerra moderna. Lo sostengono gli antichi periodici spezzini, ma penso di non sbagliare dicendo che era pensiero comune e diffuso. L'analisi sulle modalità del grande scontro in atto vede che le parti attive del conflitto non sono più, come una volta, gli eserciti, bensì i popoli. Le masse sono impegnate nell'immane sforzo della distruzione totale dell'avversario, o almeno nel tentativo supremo di procurare all'avversario il maggior danno possibile. Ogni risorsa è destinata al raggiungimento di questo scopo che è vitale. Ciò comporta, fra l'altro, l'utilizzo di tecniche e forme di comunicazione non adoperate in precedenza: si sono raffinate rispetto al passato anche recente per meglio instillare nell'opinione pubblica il convincimento della giustezza dei motivi per cui si combatte. Anche per questo la prima guerra mondiale è la prima guerra moderna e non solo per l'uso di armi ed accessori inconsueti, molti dei quali, in verità, non proprio nuovi di zecca. L'uso della carta stampata (libri e soprattutto giornali) è però novità, esercitata così a livello di massa: è il processo di alfabetizzazione avviato ormai da parecchi anni che fornisce a chi ne era sprovvisto per motivi sociali, i rudimenti per apprendere.
Sui giornali dell'epoca la consapevolezza del ruolo svolto, è ben presente. Ne “Il Giornale della Spezia” che dirige, Arturo Paita anticipa a fine di aprile, quando l'Italia è ufficialmente neutrale ma a tutti è chiaro che lo sarà ancora per poco, quale «missione» ha la stampa nel contesto storico che si sta vivendo: far sentire con molta chiarezza a quanti staranno al fronte, che hanno dietro a sé tutta la Nazione e davanti «le speranze che vengono dall'altra parte dell'Adriatico».
È interessante anche notare la strategia di comunicazione messa in piedi. Essa consiste essenzialmente nella demonizzazione degli Austro-Tedeschi: questi ultimi diventeranno nostri nemici successivamente, ma già li si considerano tali. Di questi ricordano le atrocità commesse specie verso i civili; per quelli si ricorre alla lotta combattuta specie nel periodo risorgimentale dagli Italiani contro il «secolare nemico». I resoconti delle gesta dell'epopea indipendentistica sono narrate tipo western: da una parte il 7° Cavalleggeri, dall'altra gli Indiani. La storia è un po' più complessa della divisione manichea fra buoni e cattivi, ma sono momenti in cui non si può andare per il sottile. Così, se si parla bene di Radetzsky, è solo per dire che era meglio dei discendenti contro cui si era impegnati: figurarsi, dunque!
Si va anche più indietro fino al «X dicembre 1746», quando Genova seguendo Balilla cacciò gli Austriaci.
L'unico Asburgo di cui non si dice male è il Granduca Leopoldo che i suoi sudditi toscani chiamavano con affetto Canapone. Ma è comprensibile: da così tanto la sua famiglia stava in Italia che le caratteristiche di casa d'Austria s'erano purificate, risciacquate in Arno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News