Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Febbraio - ore 22.44

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Oriano Caruso: "Cosa amo del calcio? Tutto, dalla preparazione all'atmosfera che si respira"

Il patron di Autoscuola Spezzina si racconta dalla passione per il calcio dilettante all'amicizia con Ancelotti. "Da me hanno preso la patente tanti calciatori da Baudi a Forte dello Spezia" "Progetti di Calcio Spezzino interessanti, vanno sostenuti"

Oriano Caruso: "Cosa amo del calcio? Tutto, dalla preparazione all'atmosfera che si respira"

La Spezia - Da 1965 è presente in Corso Nazionale 125 alla Spezia e lì si possono conseguire patenti di tutti i tipi partendo dal motorino fino ad arrivare all'autotreno passando per la macchina, moto, l'Adr, il Cqc e quant'altro ci sia nel settore, oltre all'agenzia di pratiche auto. Si tratta dell'Autoscuola Spezzina il cui proprietario è Oriano Caruso, volto noto anche nell'ambiente sportivo per la sua grande passione per il calcio dilettantistico e non solo data l'amicizia con Carlo Ancelotti. Alla Spezia la sua autoscuola è oramai un'istituzione e con lui hanno iniziato a guidare giocatori come Baudi bandiera della Fezzanese o l'ex attaccante dello Spezia Calcio Forte, ma sono tantissimi i giovanissimi calciatori dilettanti passati dalla Spezzina. Da quest'anno Caruso ha voluto sostenere il calcio dilettantistico della Spezia attraverso Calcio Spezzino con la sua attività che ha dato il nome alle nuove rubriche "Top Player Autoscuola Spezzina". Oggi lo abbiamo incontrato per scambiare con lui quattro chiacchiere.

Oriano benvenuto su Calcio Spezzino, partiamo subito con le domande. Cosa ama del calcio e come è nata questa sua passione?

"Buongiorno a tutti i lettori di Calcio Spezzino. La mia passione nasce da lontano, da quando avevo cinque anni nelle giovanili del Canaletto Sepor. Ora, vista anche l'età, mi limito a seguire squadre amatoriali, anche se devo dire sempre con ottimi successi. Cosa amo del calcio? Amo tutto, dalla preparazione alla partita, all'atmosfera che si respira a tutte le età e in tutte le categorie."

Le cronache la danno spesso come vincente nei tanti tornei estivi in cui crea squadre?

"Una volta molto di più ed ero quasi sempre un vincente, ora mi diletto un po' meno con i tornei, ma quando scendo in campo è sempre con formazioni di vertice."

Per lavoro passa la giornata in auto con ragazzini maggiorenni da poco o a far lezione in autoscuola a quelli più piccoli che prendono il patentino per lo scooter, parlate dei loro risultati calcistici?

"Esattamente, molti dei miei allievi giocano a calcio e mi raccontano le loro partite settimanali. Alcuni di loro capita che si trovino a fare insieme delle prove sullo scooter e poi la domenica invece incrociano i tacchetti giocando uno contro l'altro. Devo dire che questo mi piace..."

Con così tanti ragazzi che sono passati all'Autoscuola Spezzina ci saranno stati anche dei calciatori "famosi" che hanno preso la patente da lei?

"In effetti ho avuto diversi giocatori famosi che sono passati dalla Spezzina. Ne cito uno su tutti: Andrea Baudi, un vero e proprio fenomeno! Lo devo ringraziare perchè ha contribuito a farmi vincere numerosi tornei estivi. Tra gli altri sicuramente Forte ex attaccante dello Spezia che sfiderà la Aquile con la Juve Stabia, ma anche Mitta ora al Fossano, i ragazzi della Fezzanese Zappelli, Campagni e Bonfiglioli, ma anche Moracchioli e Lepri per citarne alcuni, insomma di ragazzi forti ne ho avuti tanti."

Alla Spezia si narra della sua amicizia con l'attuale allenatore del Napoli Carlo Ancelotti

"Sì, l'ho conosciuto a Portovenere, attraverso amicizie in comune, quando allenava il Milan. Ai suoi tempi sono andato spesso a trovarlo a Milanello. Grazie a lui ho visto un gran Milan sia in allenamento che in partita. C'erano giocatori seri e preparati, su tutti cito Maldini e Gattuso."

Ora, attraverso Calcio spezzino, ha deciso di sostenere e alimentare la visibilità del calcio giovanile. Che ne pensa?

"Penso che sia una bella cosa che riunisce tutti i giovani appassionati di calcio e di sport. Giovani che possono confrontarsi tra loro con tutte le varie sfide che si svolgono durante la settimane. Il vostro poi è un progetto interessante che va sostenuto e alimentato, un progetto che fa bene alla nostra provincia spezzina."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News